rotate-mobile
Cronaca

Stangata per l'acquisto dei testi scolastici: "Serviranno in media oltre 300 euro alle medie e superiori"

Il monitoraggio di Federconsumatori sugli istituti della città e della provincia. Il più caro in assoluto è l'alberghiero Borsellino con 422 euro, il più economico il liceo artistico Almeyda con 284 euro. "Per le famiglie monoreddito occorrerà utilizzare più della metà dello stipendio". I consigli per risparmiare

La spesa meno elevata sarà per chi si iscriverà ai licei artistici Almeyda (284 euro) e Catalano (291 euro), mentre la stangata, invece, arriverà per coloro che sceglieranno il liceo scientifico, dove - secondo Federconsumatori Palermo - il costo per l'acquisto dei libri di testo sarà di 382 euro al Cannizzaro e al Basile, e di 376 al Croce. La scuola più cara in assoluto a Palermo è pero l'istituto alberghiero Borsellino, ben 422 euro la spesa media. Una cosa è certa, anche per via di un tasso di inflazione che galoppa all'8,4%, consentire ai propri figli di studiare per alcune famiglie, specie se monoreddito, significherà investire anche la metà dello stipendio disponibile.

Rischio di ritardi nelle forniture per carenza di carta e cartone

Il monitoraggio di Federconsumatori è stato compiuto sulle scuole medie inferiori e superiori di Palermo e provincia. I dati sono certificati con gli elenchi pubblicati dall'Aie (Associazione degli editori). In sintesi il prezzo dei libri, secondo l'associazione, ha subito lievi variazioni rispetto all'anno scorso e ciò che desterebbe maggiore preoccupazione è piuttosto la scarsità di materie prime, come carta e cartone, che potrebbe determinare gravi ritardi nell'approvvigionamento delle librerie.

Oltre 300 euro la spesa media per i libri a Palermo e provincia

La spesa per i libri per l'iscrizione alla prima media è mediamente di 314 euro (ai quali vanno sommati due dizionari), mentre per la prima classe delle superiori serviranno mediamente 339 euro (con oscillazioni tra 268 e 422 euro). Anche in questo caso ci sarà da aggiungere il costo da 2 a 4 dizionari, che mediamente hanno un prezzo di 60/100 ciascuno.

Scuole medie: la più economica è la Dante

Federconsumatori fornisce i dati relativi ad alcuni istituti della città. Per le scuole medie, la più economica è la Dante (290 euro), seguono la Garibaldi (305), la Gentili (320 euro), la Gramsci (325 euro) e chiude la più costosa tra quelle esaminate, la Florio (332 euro).

Scuole superiori: l'alberghiero Borsellino il più caro in assoluto

Tra le scuole superiori, invece, i costi maggiori si avranno mediamente per il liceo scientifico. Seguono l'istituto nautico Gioeni Trabia (357 euro), gli alberghieri, in testa il Borsellino (422 euro), poi il Piazza (366 euro) e, infine, il Cascino (268 euro). Mediamente sarà di 346 euro la spesa per chi si iscriverà agli istituti tecnici commerciali: in testa il Pareto (376 euro), poi il Ferrara e il Crispi (rispettivamente 331 e 330 euro). Appena meno - mediamente 341 euro - per chi sceglierà gli istituti tecnici industriali: 342 euro al Vittorio Emanuele III e 339 al Volta. Di 330 euro in media sarà il costo dei libri per chi opterà per i licei classici: 345 al Garibaldi, 323 al Vittorio Emanuele II e 322 al Meli. Più economico il liceo delle scienze umane, dove in media la spesa sarà di 319 euro: 330 euro al Dolci, 326 al Regina Margherita e 302 al Finocchiaro Aprile. Chiudono la classifica i licei artistici con 288 euro di spesa media.

"Nel 65% delle scuole rispettati i tetti di spesa ministeriali"

"Il dato positivo è che il 65% degli istituti superiori monitorati ha rispettato i tetti di spesa ministeriali, con percentuali di sforamento sotto il 10%", afferma Lillo Vizzini, presidente di Federconsumatori Palermo. “È il caso di sottolineare che - aggiunge - lo sforamento del 10% del tetto di spesa sarebbe consentito solo se motivato da decisione del collegio dei docenti e avallato dal consiglio di istituto".

"Per una famiglia monoreddito servirà oltre la metà dello stipendio"

Vizzini mette poi in evidenza che "per iscrivere un figlio al primo anno del liceo classico o scientifico, tra libri di testo e libri consigliati e 3/4 dizionari, una famiglia dovrà spendere mediamente circa 540 euro, 480 euro per gli altri indirizzi. Giudichiamo positivamente la decisione, in alcuni licei, di ridurre al minimo l'elenco dei libri consigliati da acquistare ad inizio anno. Alla spesa dei libri di testo si dovrà aggiungere l'ulteriore spesa per il corredo scolastico, mediamente di circa 220 euro. Oltre la metà dello stipendio di una famiglia monoreddito. Le conseguenze della povertà e del disagio sociale non dovrebbero compromettere in alcun modo il diritto allo studio; la mancanza dei libri di testo è la causa principale dell'abbandono scolastico".

I consigli per risparmiare

Il consiglio per risparmiare fornito dall'associazione è di ricorrere ai libri usati, se non si tratta di nuove adozioni, "ma è necessario porsi subito alla loro ricerca, procurandosi l'elenco dei testi adottati. Gli istituti più solerti lo hanno da tempo caricato sui loro siti, ma si può ritirare direttamente nelle segreterie delle scuole. Per verificare la conformità del testo usato con quello adottato è fondamentale verificare che il codice volume sia identico. È possibile comprare i libri nuovi, ma anche usati in alcuni casi, con un certo margine di sconto, dal 10% al 15%, in alcuni siti specializzati. È importante sapere che, in caso di acquisti on line, qualora il testo dovesse essere difforme e/o in pessime condizioni, esiste il diritto al ripensamento, purché si rispettino i tempi e i modi per avvalersene", conclude Vizzini.

Infine, un acquisto piuttosto oneroso è quello dei dizionari: "Si trovano ormai un po' ovunque - conclude Federconsumatori Palermo - grandi magazzini e bancarelle comprese. Fare molta attenzione, però, che non si tratti di  edizioni eccessivamente datate. Controllare la data di pubblicazione e preferire le edizioni più recenti. È possibile prenotare, anche on line, i libri scolastici, scontati del 15%, presso una nota catena di supermercati".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stangata per l'acquisto dei testi scolastici: "Serviranno in media oltre 300 euro alle medie e superiori"

PalermoToday è in caricamento