Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Psicologo di base, prosegue l'iter all'Ars: audita la presidente dell'Ordine regionale

L'obiettivo è scrivere la bozza del testo che poi dovrà approdare in Aula per l'approvazione. Gaetana D'Agostino: "E' giusto, e aggiungerei sacrosanto, che la salute sia alla base di qualsiasi programma politico che abbia a cuore il benessere della cittadinanza"

L’obiettivo è quello di istituire lo psicologo di base, con almeno un paio di professionisti per ogni distretto sanitario in tutta la Sicilia, per lavorare sulla prevenzione, cercare di intercettare i primi segnali di disagio tutelare il benessere mentale. Si è svolta ieri a Palazzo dei Normanni l’audizione della presidente dell’Ordine degli psicologi della Regione Siciliana, Gaetana D’Agostino, convocata dalla sesta commissione “Salute” all’Ars per studiare il quadro normativo e applicare i necessari correttivi al testo che dovrà poi approdare in Aula.

L’incontro con i componenti della VI commissione “Salute, servizi sociali e sanitari” è stato l’occasione per riprendere le fila dei vari disegni di legge che nel tempo erano stati presentati e poi accorpati in un testo coordinato e condiviso da tutti gli schieramento. Sono stati inoltre analizzati i percorsi seguiti da altre Regioni (in testa la Campania che ha incassato un pronunciamento favorevole della Corte costituzionale) per giungere alla creazione di un servizio territoriale di cui la popolazione, come emerso soprattutto nel corso della pandemia, mostra di avere sempre più bisogno. A confermarlo anche le richieste arrivate all'Inps dalla Sicilia per accedere al “bonus psicologico”.

VI commissione Ars Salute

“Ho trovato - dichiara la presidente dell’Ordine degli psicologi della Regione Siciliana - apertura e propositività da parte di tutte le componenti politiche perché è giusto, e aggiungerei sacrosanto, che la salute sia alla base di qualsiasi programma politico che abbia a cuore il benessere della cittadinanza. Attendiamo fiduciosi gli ulteriori passaggi tecnici e arrivare il prima possibile all'istituzione dello psicologo di base anche in Sicilia”.

Gli ultimi dati sul bonus psicologico in Sicilia

Al 30 settembre 2022 sono state 318.299 le domande presentate per accedere al “bonus psicologico” (dati forniti da Inps). Di queste 21.085 sono arrivate dalla Sicilia. Qui di seguito la distinzione per provincia: Palermo 6.414; Catania 4.768; Messina 2.478; Trapani 1.616; Siracusa 1.594; Agrigento 1.404; Ragusa 1.240; Caltanissetta 1.040; Enna 531.

Laccoto: "Servono servizi sanitari più moderni"

Il presidente della commissione Pippo Laccoto fa sapere che è stato fissato il termine per gli emendamenti alle ore 18 di lunedì 27 marzo. “Ringrazio tutti i componenti della Commissione - afferma Pippo Laccoto - che hanno accolto la mia proposta di svolgere un lavoro di sintesi tra le diverse proposte e consegnare così all’Ars un testo di legge coordinato che prevede l’istituzione della figura dello psicologo di base. Abbiamo il dovere di fornire strumenti adeguati per servizi sanitari sempre più moderni e in riscontro alle esigenze che vengono dalle comunità. L’emergenza pandemica ha evidenziato la necessità di sostenere da un punto di vista mentale e relazionale tutte le fasce della popolazione, dai bambini agli adolescenti, dai giovani agli anziani alle persone più fragili".

Pellegrino (FI): "Importante per ampliare tutela di persone fragili"

“Rafforzare il sistema sanitario con queste nuove figure professionali, in numero adeguato a garantire una presenza capillare nel territorio, sarà infatti strumento - afferma un altro componente della commissione, Stefano Pellegrino (Forza Italia) - per dare adeguata assistenza a tutti coloro, soprattutto fra le persone più fragili, che oggi non hanno possibilità di accedere autonomamente a questo tipo di servizio. Sarà anche un modo per ridurre nel lungo periodo i costi dello stesso servizio sanitario, perché l'azione preventiva svolta in sul territorio si tradurrà in minori spese mediche per la cura e minore spesa farmaceutica”.

Caronia (Lega): "Andiamo incontro alle esigenze degli adolescenti"

"La riforma prevede che ciascuna Asp istituisca a livello di distretto sanitario il servizio di Psicologia di base e che su base territoriale si formino degli elenchi per la scelta del professionista. Quando il Parlamento siciliano approverà definitivamente il testo - dichiara Marianna Caronia (Lega) - potremo dire di aver potenziato il Sistema sanitario regionale garantendo ai siciliani livelli di assistenza moderni e in linea con i bisogni crescenti della società. Nello spirito della riforma e nel mio intendimento c’è la volontà di andare incontro anche alle molteplici esigenze degli adolescenti che durante la pandemia hanno sofferto più di tutti le restrizioni sociali con conseguenze in tanti casi patologiche. Proprio ai giovani, in generale, è rivolto prioritariamente il servizio di psicologia di base in maniera da accompagnarli alla piena maturità e realizzazione sociale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Psicologo di base, prosegue l'iter all'Ars: audita la presidente dell'Ordine regionale
PalermoToday è in caricamento