Cronaca Politeama / Piazza Verdi Giuseppe

Massimo, Orlando contro il Ministero: “Non vigila sulle anomalie”

Il Sindaco annuncia un'azione legale contro i Beni culturali. "Nonostante il mio divieto il sovrintendente Cognata ha rinnovato i contratti esterni. E' come se fosse diventato un teatro ad ore". E chiede il commissariamento

Striscioni contro il Sovrintendente Cognata

Guerra aperta contro Cognata e contro il Ministero. Un’azione legale contro il ministero dei Beni culturali per “omessa vigilanza” sulle presunte “anomalie” nella gestione del Teatro Massimo. Lo ha annunciato il sindaco Leoluca Orlando nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta stamattina (guarda il video).

“Nonostante il mio divieto – ha spiegato il Primo cittadino, che è anche presidente della Fondazione dell'ente culturale - il sovrintendente (Antonio Cognata ndr) ha rinnovato i contratti esterni. L'ho denunciato alla Corte dei conti". Contratti per circa un milione di euro, resi pubblici nei giorni scorsi dallo stesso Orlando. Che aveva anche auspicato l'ipotesi di un commissariamento dell'Ente.

“Il Massimo – accusa Orlando - è diventato un teatro ad ore. Non si può abusare oltre della pazienza dei lavoratori e della città. Non voglio che il teatro abbia un consulente che passa il suo tempo in Tv invece che stare in teatro a fare il suo dovere". Criticità che hanno indotto le maestranze ad annunciare per oggi lo sciopero, mettendo a rischio la prima del dittico di Ravel.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massimo, Orlando contro il Ministero: “Non vigila sulle anomalie”

PalermoToday è in caricamento