rotate-mobile
Cronaca

Tir, il bilancio della protesta: danni per mezzo miliardo di euro

Casse integrazioni, ferie forzate, derrate rimaste nei magazzini ed export bloccati. Queste le conseguenze delle cinque giornate di protesta che hanno paralizzato la Sicilia e la sua economia

Secondo una stima provvisoria fatta da Confindustria, il danno all'economia siciliana per i cinque giorni di protesta, capitanata dal movimento dei Forconi, si aggirerebbe ad una cifra compresa fra i 300 e i 500 milioni di euro. I mancati ricavi delle sole provincie di Palermo, Catania e Siracusa ammonterebbero a circa 50 milioni di euro, e le stime potrebbero registrare un rialzo quando i conti saranno definitivi.


Oltre ai danni provocati all'industria vanno menzionati gli oltre 2.000 lavoratori per i quali le aziende hanno avviato le procedure per la cassa integrazione. Nel settore del commercio e dell'agricoltura, tra mancati ricavi e perdite, si parla una cifra pari a circa 200 milioni. Inoltre, numerose aziende sono state costrette a mettere in ferie forzate i propri dipendenti. Secondo Coldiretti il bilancio del settore agricolo registrerà un passivo di 50 milioni di euro, di cui solo 20 nella Sicilia orientale, con derrate alimentari rimaste a marcire nei magazzini. Le perdite sono anche relative alla disdetta dei contratti di fornitura dei prodotti da esportazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tir, il bilancio della protesta: danni per mezzo miliardo di euro

PalermoToday è in caricamento