Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | La protesta dei sindacati davanti al Politeama: "Riapriamo in sicurezza... ma davvero"

Una manifestazione "affinché il post-lockdown non si risolva in sezioni caotiche, classi affollate, studenti e personale stipati in edifici rimasti non a norma"

 

"Il post-lockdown non si risolva in sezioni caotiche, classi affollate, studenti e personale stipati in edifici rimasti non a norma". I sindacati della scuola (Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Unams) sono scesi in piazza davanti al Politeama e nelle nove province siciliane per chiedere al governo garanzie sulla riapertura della scuola in sicurezza. “La scuola – spiegano in una nota congiunta le organizzazioni sindacali regionali – deve essere messa al centro dell’agenda politica. È necessario un grande piano di stabilizzazioni e assunzioni per venire incontro all’esigenza di ridurre l’affollamento nelle classi, sia per garantire il distanziamento imposto dall’emergenza covid, sia per migliorare la qualità della didattica. I posti messi a bando con i concorsi non bastano”.

“Allo stesso tempo – aggiungono – occorre intervenire sull’edilizia scolastica con opere di riqualificazione e di nuova costrizione. Abbiamo bisogno di edifici adeguati e strutture all’avanguardia che ci consentano anche di aumentare il tempo scuola soprattutto al Sud”. “Questo particolare periodo storico – concludono – se da un lato ha determinato grandi difficoltà dall’altro può rappresentare una grande opportunità per migliorare il nostro sistema educativo. Ancora una volta la politica ha una grande occasione per riconoscere alla scuola l’importanza che merita per la crescita sociale e culturale del Paese”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento