Protestano ex Lsu e precari della scuola: "Siamo senza prospettive"

Decine di manifestanti hanno presidiato l’Ufficio scolastico regionale dopo il divieto di stipulare o rinnovare contratti di collaborazione coordinata e continuativa. "Dopo oltre 20 anni non vediamo alcuno spiraglio"

I precari durante la protesta in via Fattori

Precari ed ex Lsu della scuola in presidio sotto l’Ufficio scolastico regionale per chiedere garanzie sul proprio futuro occupazione. Decine di lavoratori hanno manifestato stamattina in via Fattori contro il divieto imposto alle pubbliche amministrazioni, a partire gennaio 2018, di stipulare e rinnovare contratti di collaborazione coordinata e continuativa. A coordinare la protesta i sindacati Nidil Cgil, Felsa Cisl Sicilia e la Uiltemp.

"Le scriventi organizzazioni sindacali - si legge in una nota -, preso atto dell’iter parlamentare che ad oggi disattende gli impegni presi dal ministero per l’Università e la Ricerca sulla stabilizzazione di suddetto personale, ritengono legittime le forti preoccupazioni per il futuro occupazionale, che dopo oltre 20 anni non vede uno sbocco lavorativo".

Previsto un fitto calendario d’iniziative sino alla fine del 2017. "La mobilitazione continuerà sino alla stabilizzazione dei lavoratori. Purtroppo, ad oggi, abbiamo solo ricevuto promesse che non sono mai state rispettate. La politica sembrerebbe non essere interessata a questa vicenda", dichiara il segretario generale Nidil Cgil Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Calcio palermitano in lutto, è morto Carmelo Bongiorno

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento