Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Calatafimi / Piazza Indipendenza

Protestano migliaia di forestali: ore infernali intorno a piazza Indipendenza

Tra le contestazioni dei lavoratori il fatto che con la finanziaria 2014 la nuova graduatoria ha unificato nello stesso elenco lavoratori dell’antincendio e delle manutenzioni, tenendo conto solo degli anni di servizio e non dell’anzianità professionale

La protesta dei forestali

Proteste, caos, traffico. Sono state ore infernali quelle vissute oggi attorno a piazza Indipendenza. A protestare sono stati stavolta migliaia di forestali per la manifestazione unitaria indetta da Flai, Fai e Uila. Tra le contestazioni dei lavoratori il fatto che con la finanziaria 2014 la nuova graduatoria ha unificato nello stesso elenco lavoratori dell’antincendio e delle manutenzioni, tenendo conto solo degli anni di servizio e non dell’anzianità professionale. “L’accordo che ha tagliato il 20 per cento dei lavoratori dell’antincendio ha lasciato scoperte le notti. Le squadre non sono complete e se scoppia un incendio il servizio antincendio notturno non è previsto”, ha dichiarato Tonino Russo, segretario della Flai Cgil di Palermo, oggi in piazza insieme ad altri tantissimi lavoratori palermitani.

“Lavoro come forestale del’antincendio dal ’93 e sono stanco di essere sempre a disposizione per tutto l’anno per svolgere 101 giorni sempre in forse, col risultato quest’anno di vedermi scavalcato da chi non ha la mia stessa professionalità nel settore degli incendi”, ha detto un delegato della Flai Cgil. I lavoratori dell’antincendio, a Palermo ridimensionati in 1.200 unità (prima del taglio erano 1.500), sono stati chiamati al lavoro questa mattina. Una delegazione  sindacale  ha chiesto un incontro con la presidenza e con il dipartimento per lo Sviluppo rurale.    

L’accordo che ha ridotto il continente antincendio del 20 per cento per fare economie è contestato anche perché la necessità del taglio è stata, calcolano i sindacati, superata dal ritardo di un mese e mezzo con il quale sta partendo l’attività. L’antincendio, al momento  è coperto solo per circa 57 giornate. Vanno recuperate nel bilancio della Regione le risorse necessarie per garantir  fino al 15 di ottobre e le ulteriori risorse per raggiungere le 101 giornate: i 101isti, 3.200 in tutta la Sicilia,  erano stati sospesi dopo aver  fatto 18 giornate di lavoro. E mancano pure le risorse per coprire la differenza delle giornate non ancora effettuate dai 151isti, che si sono fermati a circa 50 di  giornate di lavoro svolte. Per la provincia di Palermo, ancora,  mancano le risorse per circa 3 mila  78isti,  che ancora non hanno svolto nemmeno una giornata di lavoro.  

E mancano ancora circa 100 milioni di euro per tutta la Sicilia per i lavori della manutenzione. “Chiediamo l’impegno del  governo e dell’Ars a trovare tutte le risorse finanziarie necessarie al comparto nell’interesse del bosco e a garanzia dei livelli occupazionali – dichiarano i segretari di Flai, Fai e Uila Tonino Russo, Adolfo Siotti e Giuseppe La Bua -. Chiediamo l’immediato avviamento di tutti i lavoratori compresi i 78isti per la realizzazione di tutti i viali parafuoco e per il presidio del territorio boschivo. L’impiego immediato nell’antincendio dei lavoratori rimasti fuori dall’immotivata riduzione del 20 per cento che penalizza i lavoratori e che sta causando gravissimi problemi organizzativi. E la ripresa dell’attività per i lavoratori 101nisti e 151nisti della manutenzione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protestano migliaia di forestali: ore infernali intorno a piazza Indipendenza

PalermoToday è in caricamento