"Avviare la stabilizzazione prevista dalla legge": gli ex Pip tornano a manifestare

I sindacati annunciano tre giorni di sit in davanti a Palazzo d’Orleans, in piazza Indipendenza: chiedono al governo di inserire nella legge di bilancio della Regione una specifica norma che regolamenti il processo

Tornano a manifestare gli ex Pip: tre giorni di sit in davanti a Palazzo d’Orleans, in piazza Indipendenza, dal 21 al 23 marzo. "Chiediamo un incontro urgente - affermano Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil, Cisal, Confintesa e Alba - per poter prevedere all’interno della legge di bilancio della Regione una specifica norma che regolamenti il processo di stabilizzazione dei lavoratori ex Pip così come previsto dalla legge 9 del 2015”.

I sindacati hanno inviato una nota al governo e alle commissioni Bilancio e Lavoro dell’Ars nella quale chiedono di avviare sin da subito il piano di stabilizzazione “attraverso l’individuazione di un soggetto giuridico che, anche attraverso un piano riorganizzativo, garantisca la contrattualizzazione di tutti gli appartenenti al bacino per l’espletamento dei servizi essenziali attualmente svolti presso la pubblica amministrazione o in altri servizi che potrebbero necessitare agli enti della pubblica amministrazione, anche in sostituzione di addetti già usciti per pensionamenti o pensionandi, anche attraverso percorsi di riqualificazione che tengano conto delle professionalità acquisite e delle specializzazioni possedute dai lavoratori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

Torna su
PalermoToday è in caricamento