Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Zen / Via Francesco De Gobbis

Zen, scuola inagibile e doppi turni alla Sciascia: genitori sul piede di guerra

Dopo un sopralluogo del responsabile alla sicurezza, il dirigente Giuseppe Granozzi ha deciso di chiudere alcune aule, ma gli orari scomodi hanno portato le famiglie a protestare. L'assessore Evola: "Lavori completati entro una settimana al massimo"

I locali della scuola Leonardo Sciascia dello Zen

Dentro cadono calcinacci ed i bagni vengono chiusi, fuori i genitori e gli studenti annunciano battaglia. Dopo il sopralluogo del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione all'istituto Leonardo Sciascia di via De Gobbis, nel quartiere Zen, il dirigente Giuseppe Granozzi ha istituto i doppi turni. "Non manderemo i nostri figli a scuola - spiega Marcella Caracappa, presidente del consiglio scolastico - fino a quando non ci daranno risposte concrete. Anche se decidessero di mandarli alla Giovanni Falcone noi non ci fermeremo: lo facciamo per il diritto allo studio". Ma l'assessore alla Scuola Barbara Evola rassicura: "Il problema verrà risolto entro la prossima settimana. Speriamo comunque di riuscirci anche prima".

Il "calvario" dei giovani alunni (e delle loro famiglie) è cominciato qualche giorno fa, quando il responsabile della sicurezza ha dichiarato inagibile la scuola per una serie di criticità che la rendono impraticabile. Anche oggi i genitori hanno deciso di puntare i piedi e piazzarsi davanti ai cancelli, non facendo entrare alunni e docenti. "Siamo persone - continua Caracappa - e rivendichiamo i nostri diritti, tra cui quello fondamentale a un'istruzione in un ambiente degno. Anche lo Zen fa parte di Palermo e il Comune non può abbandonarci. Oltre che per i nostri figli - aggiunge - lo facciamo anche per i maestri, alcuni dei quali vengono da fuori città. E' impensabile che debbano arrivare da Messina, entrare in servizio, uscire da scuola alle 19 e tornare a casa. E quei pochi genitori fortunati che lavorano, come devono organizzarsi con gli orari?".

Davanti all'ingresso anche il consigliere della settima circoscrizione Gianni Dragna: "Sto cercando di tranquillizzarli: sono agitati e hanno ragione. Vogliamo capire in tempi brevi cosa è possibile fare. Il Comune è al corrente della situazione e deve fare qualcosa: crediamo sia dovuto ai nostri giovani studenti". Ma le loro preoccupazioni sembrerebbero avere i giorni contati. "C'è già una ditta - spiega l'assessore Evola - che si sta occupando del problema. Negli scorsi mesi sono stati fatti degli interventi-tampone, in attesa di effettuare una ristrutturazione più completa che comporta la chiusura del plesso e che dunque sarà eseguita non appena possibile. Stamattina gli operai stavano lavorando per contenere il problema portando avanti i lavori più urgenti. Il Comune - conclude - sta facendo il possibile per garantire la riapertura della scuola, evitando così il fastidio dei doppi turni. Purtroppo le ultime piogge hanno dato un brutto colpo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zen, scuola inagibile e doppi turni alla Sciascia: genitori sul piede di guerra

PalermoToday è in caricamento