Centri per l'impiego e ispettorati, monta la protesta: "Personale in servizio da decenni snobbato"

I lavoratori, il primo luglio, si riuniranno in assemblea. Cobas/Codir e Sadirs: "Vogliamo risposte sulle carenze strutturali degli ambienti di lavoro e soprattutto sull’impiego del personale, riclassificazione necessaria"

"Personale in servizio da decenni snobbato". Per sensibilizzare l’opinione pubblica, la stampa, l’amministrazione e la politica sulle richieste dei lavoratori, lunedì, dalle 12 alle 14, nei Centri per l’impiego, negli ispettorati e negli uffici del dipartimento regionale lavoro Cobas/Codir e Sadirs hanno organizzato delle assemblea autogestite. 

"Con numerose note, già a partire dal mese di marzo - spiegano le sigle sindacali - abbiamo richiesto al dirigente generale e all’assessore regionale al Lavoro un urgente incontro al fine di affrontare le numerose problematiche riguardanti i dipendenti: distribuzione del personale, carenze strutturali degli ambienti di lavoro e soprattutto l’impiego del personale e la necessaria riclassificazione. Ad oggi l’assessore e il dirigente generale hanno snobbato e sottovalutato le professionalità del personale che da decenni presta servizio nei Centri per l’impiego". 

Il 16 giugno Sadirs e Cobas/Codir hanno diffuso un nuovo comunicato per chiedere all’amministrazione e alla politica sensibilità e rispetto per i propri dipendenti e di attivarsi, ciascuno per le proprie competenze, al fine di di dare delle risposte concrete al proprio personale, evitando di creare  tensioni fra personale precario e di ruolo, affrontando concretamente le problematiche evidenziate. "Non abbiamo ricevuto risposta", da qui la decisione di proseguire nello stato di agitazione e indire l’assemblea autogestita.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento