menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I giovani studenti del Nautico in protesta davanti all'Istituto Nautico

I giovani studenti del Nautico in protesta davanti all'Istituto Nautico

Gli studenti: “No alle classi pollaio” Flash mob al Nautico

La manifestazione è stata guidata da Avanguardia Studentesca. Davanti all'istituto di corso Vittorio Emanuele circa trecento ragazzi hanno srotolato uno striscione ed hanno distribuito dei volantini

“No alle classi pollaio”. Con questo slogan questa mattina si è svolta una manifestazione goliardica presso l’Istituto Nautico organizzata da Avanguardia Studentesca per protestare contro il sovraffollamento delle classi. Trecento ragazzi circa e una ventina di militanti di As, all’uscita della scuola, hanno srotolato uno striscione ed hanno distribuito dei volantini per sensibilizzare gli studenti.

“Ci sono molte classi nel nostro istituto – ha dichiarato Raffaele Sicari, rappresentante degli studenti del Nautico – che sono sovraffollate: anche più di trenta alunni per classe. Uno stato delle cose che causa tanti disagi soprattutto perché le classi sono piccole”. Secondo Sicari, inoltre, alcuni insegnanti sarebbero stati d’accordo con la manifestazione: “Ci hanno incoraggiato – ha detto – a manifestare contro l’accorpamento delle classi”.

Vincenzo Cicero, responsabile provinciale di Avanguardia Studentesca è stato uno dei promotori della manifestazione: “Secondo la sentenza del Consiglio di Stato del 15 giugno 2011 – dice – le classi non possono superare il numero di 25 studenti. Un’indagine dello stesso Ministero dell’Istruzione documenta che oltre duemila classi in Italia superano il tetto dei 30 alunni: circa 63 mila studenti sono trattati come polli da batteria. Oltre al problema delle classi pollaio a rendere drammatica la situazione della scuola italiana sono anche i tagli effettuati alle ore di laboratorio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento