Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Vittorio Emanuele

Ex Coinres occupano la Cattedrale, vietato l’accesso ai turisti

Un gruppo di circa 40 persone chiede certezze sull'avvio a partire dal primo ottobre del nuovo percorso che porterà all'abolizione degli Ato e alla sostituzione con le nuove società Srr. "Non ci muoveremo finchè Crocetta non ci riceverà"

Dipendenti Gesip protestano in Cattedrale - foto archivio

Un gruppo di circa 40 ex lavoratori del Coinres, il consorzio che si occupa della raccolta dei rifiuti in provincia, hanno occupato la Cattedrale. Chiedono certezze sull'avvio a partire dal primo ottobre del nuovo percorso che porterà all'abolizione degli Ato e alla sostituzione con le nuove società Srr.

La protesta è scattata dopo la riunione con i sindaci dei comuni del Coinres. I lavoratori hanno annunciato che non si muoveranno dalla Cattedrale fino a quando non saranno ricevuti dal presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. Sul posto sono presenti le forze dell'ordine, mentre è vietato l'accesso ai turisti.

IL CASO - Entro il 30 settembre i 12 Comuni dell'Ato Palermo 1 a causa della cessazione delle attività di quegli Ambiti territoriali ottimali, dovranno costituire, per legge, le Società per la regolazione del servizio di gestione dei rifiuti (Srr). La scadenza si avvicina ma nonostante manchino solo pochi giorni le amministrazioni non l'avrebbero ancora fatto.

La cosa più probabile, date le circostanze, a questo punto è che i 12 Comuni opteranno per le Aree di raccolta ottimale (Aro), un soggetto intermedio (previsto sempre dalla legge) che dovrebbe traghettare la gestione dei rifiuti dagli Ato alle Srr. In pratica per qualche tempo uno o più Comuni gestiranno direttamente il servizio della raccolta appaltandola all'esterno, previa redazione di un Piano di intervento che dovrà essere coerente con i principi di differenziazione, adeguatezza ed efficienza della gestione dei servizi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Coinres occupano la Cattedrale, vietato l’accesso ai turisti

PalermoToday è in caricamento