Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Appalto di pulizia al Tribunale, lavoratori "spazzati" via dalla Dussmann: monta la protesta

La multinazionale tedesca ha proposto contratti da 330 euro al mese ai lavoratori della coop che assieme a Rap ha perso la commessa al Palazzo di Giustizia. Il sindacato Usb: "Vero e proprio sistema di sfruttamento". Il consigliere Zacco: "Passare da 40 a 15 ore settimanali è un'umiliazione, intervenga la Regione"

 

Monta la protesta dei 38 lavoratori ex Coop service srl, società che per anni si è occupata assieme alla Rap della pulizia del Palazzo di Giustizia. La multinazionale tedesca Dussmann, che si è aggiudicata il nuovo appalto per le pulizie tramite procedura Consip (la centrale acquisti della pubblica amministrazione), ha sì assorbito i lavoratori della coop - provenienti dal bacino degli Lsu - ma con un contratto che prevede meno ore di lavoro e di conseguenza uno stipendio ridotto. 

Tagli consistenti, denuncia il sindacato Usb, che oggi ha manifestato in piazza Vittorio Emanuele Orlando assieme ai lavoratori: "Da 40 ore si è passati a sole 15 ore settimanali - dice Sandro Cardinale -. Un disastro economico per i lavoratori e igienico sanitario per gli uffici. Un passo indietro dopo un ventennio di attività". Usb, che parla di "un vero e proprio sistema di sfruttamento", punta il dito contro la Dussmann: "Non è la prima volta che la multinazionale si aggiudica una gara di appalto all'interno degli uffici pubblici, scaricando i costi sui lavoratori. Questo è ciò che sta accadendo negli uffici giudiziari di Palermo e noi non lo accetteremo mai".

Al fianco dei lavoratori - che hanno chiesto "la vicinanza delle istituzioni"- si è schierato Ottavio Zacco, presidente della commissione consiliare Attività produttive: "I 38 lavoratori ex Lsu del Comune, che anni fa decisero di intraprendere una nuova avventura nel mondo del lavoro privato, gestendo i servizi di pulizia all'interno del Tribunale, si ritroverebbero con stipendi da fame. Lavorare 15 ore settimanali per una paga mensile di 330 euro è un'umiliazione. Lede la dignità dei lavoratori e delle loro famiglie che con coraggio anni fa hanno deciso di abbandonare il lavoro nel pubblico, anche se precario, per intraprendere il percorso nel settore privato".

"La politica locale - conclude Zacco - non può rimanere in silenzio dinnanzi a questo sopruso e a queste vessazioni, per questo chiedo a gran voce che la Regione Siciliana attivi con urgenza un tavolo tecnico per garantire il diritto al lavoro, valutando opportunamente se reinserire i lavoratori nel bacino ex Lsu come avvenuto già per gli addetti di Almaviva in sovrannumero".

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento