Il Programma Operativo Italia-Malta 2007-2013: finanziati 3 progetti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il Programma Operativo Italia-Malta 2007-2013, grazie ai positivi risultati ottenuti dai 24 progetti (17 oridinari e 7 strategici) finanziati, si è dimostrato un ottimo volano per lo sviluppo dei due territori transfrotalieri, Sicilia e Malta, e per la valorizzazione delle loro risorse economiche, naturali, culturali ed energetiche. 

Tre dei progetti finanziati dal P.O. hanno focalizzato le loro azioni nella ricerca e nell’innovazione anche sociale applicata ai settori chiave dell’economia siciliana e maltese. In particolare, il progetto Promed ha promosso azioni di ricerca e innovazione di prodotto e dei processi nell’ambito della vitivinicoltura; il progetto T-Cheesimal, invece, ha puntato sull’innovazione tecnologica applicata alla produzione lattiero-casearia. The HUB si è mosso nell’ambito dell’innovazione sociale inserendosi in una rete internazionale, denominata “The Impact Hub”, che ha messo in relazione tra loro i change makers mediterranei. Questi tre progetti e i loro risultati sono i soggetti del video Research & Innovation.

Altro tema cardine del Programma è stato quello di incentivare l’uso delle risorse naturali e delle energie rinnovabili. L’obiettivo è stato perseguito da sei progetti finanziati dal P.O. (Vienergy, Moriso, Crim-Safri, Resi, Port-Pvev e Streets) tramite lo sviluppo di sistemi innovativi per l’efficienza energetica così come viene raccontato nelle interviste presenti nel video Renewable Energy & the Efficient Use of Resources rilasciate dei responsabili dei sei progetti citati.

Torna su
PalermoToday è in caricamento