Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Disturbi da esposizione prenatale al Thc, finanziato progetto: prof palermitana nel team

Si chiama Carla Cannizzaro ed è associato di Farmacologia del Dipartimento ProMise. La ricerca che sta portando avanti identificherà le strategie efficaci per la prevenzione e per il trattamento delle alterazioni neurobiologiche nella prole

Un progetto per studiare i disturbi indotti dall’esposizione prenatale al Thc con un approccio multidisciplinare. Si chiama Dietami ed è risultato primo, nel settore Life Science, tra quelli presentati in risposta all’Avviso FISR 2019 e finanziati attraverso le risorse del Fondo integrativo speciale per la ricerca. Nel team c'è anche una docente dell'Università di Palermo: Carla Cannizzaro, associato di Farmacologia del Dipartimento ProMise. Completano il gruppo di ricerca Claudio D'Addario, associato di Biologia Molecolare dell'Università di Teramo, e Miriam Melis, associato di Farmacologia dell’Università di Cagliari e responsabile scientifico della proposta. “Le evidenze cliniche - spiegano i ricercatori - mostrano come la progenie esposta in utero al Thc presenti ridotte capacità attentive, di apprendimento e risoluzione dei problemi, iperattività, aumento dell'impulsività, propensione ai comportamenti a rischio e propensione agli episodi psicotici".

I dati preliminari sono stati ottenuti in diversi modelli animali di esposizione prenatale al Thc e indicano infatti adattamenti molecolari e cellulari duraturi del circuito cerebrale della gratificazione, che si traducono in correlati comportamentali di disregolazione affettiva e vulnerabilità alla dipendenza. Alla loro raccolta oltre alla professoressa Cannizzaro hanno partecipato Fulvio Plescia, Anna Brancato e Valentina Castelli. Grazie al finanziamento ottenuto, che ammonta ad un totale di 1.185.054,40 euro, lo studio Dietami identificherà i substrati neurobiologici dell'aberrante sviluppo cognitivo ed esecutivo dovuto all'esposizione in utero al Thc e le strategie efficaci per la prevenzione e il trattamento delle alterazioni neurobiologiche nella prole, che potrebbero conferire vulnerabilità a numerose condizioni psichiatriche. “Questo risultato - commentano dall'Università - è un elemento di grande soddisfazione e richiama l’attenzione verso l’elevata qualità della ricerca che il laboratorio di Neuropsicofarmacologia dell'Università degli Studi di Palermo sta conducendo con grande impegno”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disturbi da esposizione prenatale al Thc, finanziato progetto: prof palermitana nel team

PalermoToday è in caricamento