Al via il progetto “La scuola fa la differenza”: per dire "no" alla violenza

Saranno coinvolti gli insegnanti degli istituti comprensivi "Capuana", "Sciascia" e "Scelsa" e della direzione didattica "Garzilli" attraverso dei corsi formativi, si pone l'obiettivo di contrastare alla radice, fin dalla primissima età, le condizioni culturali e sociali che favoriscono la violenza sulle donne, l'omofobia e il bullismo

Foto archivio

Al via il progetto “La scuola fa la differenza”. Gli insegnanti degli istituti comprensivi “Capuana”, “Sciascia” e “Scelsa” e della direzione didattica “Garzilli” seguiranno corsi formativi per imparare come contrastare alla radice, fin dalla primissima età, le condizioni culturali e sociali che favoriscono la violenza sulle donne, i fenomeni di omofobia e di bullismo, proponendo modelli aperti e plurali di identità, famiglia e genitorialità. L'iniziativa nasce dalla collaborazione tra Comune, ufficio scolastico regionale, “Biblioteca delle donne” e Centro di consulenza legale dell'Udi Palermo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Lo scopo di questo progetto - ha detto l'assessore Barbara Evola - è quello di fornire agli insegnanti strumenti culturali e didattici per consentire ai bambini di svilupparsi in ambienti senza pregiudizi e orientamenti predefiniti. Solo attraverso il lavoro degli adulti, ogni bambina ed ogni bambino, potrà essere aiutato a comprendere in maniera preventiva ogni atteggiamento di violenza contro le donne, contro ogni persona che, impropriamente, viene considerata diversa e di bullismo. E questo percorso culturale deve per forza partire dalla scuola dell'infanzia e da quella primaria, in continuità con quello, che già da due anni, propone l'ufficio scolastico regionale". "E' per questo - conclude l'assessore alla Scuola - che ringrazio il suo direttore, Maria Luisa Altomonte, per la sensibilità dimostrata ancora una volta al processo di crescita culturale e di partecipazione dei nostri bambini. Ringraziamento che estendo, naturalmente, a tutti gli insegnanti coinvolti nel progetto e alle assocazioni che lo hanno promosso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento