Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Novanta volontari aiuteranno anziani e migranti a vivere la "rivoluzione digitale"

Arriva anche in Sicilia il progetto "Long Life Welfare", che ha come capofila l’Anolf Cisl in collaborazione con Anteas (associazione cislina di volontariato) e il centro di ricerche sul fenomeno migratorio, Idos

Una rete di volontari aiuterà chi, per ragioni anagrafiche o condizioni sociali sfavorevoli, non riesce a sfruttare i vantaggi - anche sul fronte economico - delle nuove tecnologie. E' il progetto "Long Life Welfare", che ha come capofila l’Anolf Cisl in collaborazione con Anteas, (associazione cislina di volontariato) e il centro di ricerche sul fenomeno migratorio, Idos.

L'iniziativa - rivolta a Sicilia, Sardegna, Campania, Calabria, Puglia e Basilicata - sarà presentata a Villa Niscemi venerdì alle 10.30. Interverranno Sebastiano Cappuccio, della segreteria della Cisl Sicilia e Alfio Giulio, segretario della Fnp Sicilia (la federazione Cisl dei pensionati); Maria Ilena Rocha, vicepresidente vicario dell’Anolf nazionale; Massimiliano Colombi dell’Anteas nazionale; Franco Pittau e Giusi Tumminelli per l’Idos; Valentina Campanella, presidente dell’Anolf Sicilia e Rosaria Aquilone, presidente dell’Anteas Sicilia, che chiuderà i lavori. A coordinarli Ilaria Fontanin, dell’Anolf nazionale. 

"La rivoluzione digitale - si legge in una nota del sindacato - è una conquista. E anche quando riguarda i temi della salute e attraversa il mondo della sanità e quello della previdenza, apre opportunità. Snellisce procedure, accelera tempi. E aiuta. Ma non tutti. C’è chi da quella rivoluzione è tagliato fuori, lasciato ai margini. Abbandonato indietro. Sono anziani e immigrati soprattutto. Per disagio fisico, atavica incomprensione e diffidenza, i primi. Per barriere linguistiche, di costumi e di cultura, gli altri. I primi, per districarsi hanno spesso bisogno di ricorrere a parenti e amici. Gli altri, dovendo fare i conti con società che disconoscono, finiscono, come ha recentemente reso noto il presidente dell’Inps Tito Boeri, con l’abbandonare nelle casse dell’Istituto contributi che pure hanno versato: una cifra che per l’Italia s’aggira sui tre miliardi, ha rivelato Boeri. Il programma punta alla formazione di volontari che affianchino anziani e immigrati nel loro rapporto quotidiano con il sistema della sicurezza sociale e il pianeta previdenza, specialmente. Finanziato dalla Fondazione con il Sud, complessivamente saranno 500 i volontari al centro delle attività di formazione. Una novantina in Sicilia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novanta volontari aiuteranno anziani e migranti a vivere la "rivoluzione digitale"

PalermoToday è in caricamento