Cronaca

Trasformare 10 giovani svantaggiati in abili artigiani: al via il progetto di Lisca Bianca

L'iniziativa, sostenuta con fondi dell'Otto per mille della Chiesa Valdese, mira a contrastare la disoccupazione ed è rivolta in particolare a ex carcerati, migranti, disoccupati, inoccupati e Neet, tra i 18 e i 25 anni. Lo Scalo 5B, all’interno dell’ex polo fieristico del Mediterraneo, il luogo dove si terrà

Trasformare dieci giovani, tra i 18 e i 25 anni, in condizione di svantaggio, in abili artigiani del legno e dei metalli. E' questa la missione del progetto “Artigianato digitale: percorsi di formazione/lavoro e inclusione sociale” promosso dall'organizzazione no profit Lisca Bianca e sostenuto con i fondi dell'Otto per mille della Chiesa Valdese. L'iniziativa, che mira a contrastare la disoccupazione, è rivolta in particolare a ex carcerati, migranti, disoccupati o inoccupati e Neet. Nasce nell’ambito della più ampia operazione di valorizzazione dei saperi artigianali e della creatività giovanile che Lisca Bianca porta avanti con la nascita di Scalo 5B, officina sociale condivisa all’interno dell’ex polo fieristico del Mediterraneo, aperta a dicembre 2018, attrezzata per la lavorazione di legno e metalli che punta a diventare un polo di riferimento per l’orientamento professionale dei giovani nel mondo dell’artigianato innovativo, garantendo la complementarietà tra formazione-lavoro e career-counseling.

Un artigiano e un designer collaboreranno con un tutor e un mediatore culturale per trasmettere ai partecipanti le competenze per la progettazione e la realizzazione di manufatti in legno e in ferro tramite tecnologie tradizionali e innovative (in particolare l’uso di macchinari a controllo numerico). Un counsellor esperto in auto-imprenditoria giovanile terrà un corso di cultura d’impresa e incontri di orientamento professionale (individuali e di gruppo). L’obiettivo del progetto è migliorare l’occupabilità e l’iniziativa imprenditoriale dei partecipanti. "La composizione eterogenea del gruppo - spiegano gli ideatori del progetto - permetterà non solo uno scambio tra le competenze di base dei partecipanti, in una logica di peer-education, ma anche di sviluppare, nella pratica, strategie di inclusione sociale e valorizzazione delle diversità".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasformare 10 giovani svantaggiati in abili artigiani: al via il progetto di Lisca Bianca

PalermoToday è in caricamento