rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Infrastrutture / Carini

Due strade da rifare e una nuova stazione ferroviaria, i progetti per l'area Rimed-Ismett 2 nel Pnrr

Il Mit si è reso disponibile a finanziare un piano complessivo per facilitare l'accessibilità al polo sanitario e di ricerca, che sorgerà a Carini, su cui i tecnici stanno già lavorando e che verrà consegnato la prossima settimana 

Il Comune di Carini ha redatto due studi di fattibilità tecnico-economica di sistemazione di due strade, prevedendo un importo complessivo di 3,9 milioni di euro per la via Ponticelli e di 5 milioni e 450 mila euro per la via Berlinguer. Sono inoltre in corso delle interlocuzioni con Rfi per una possibile stazione ferroviaria in prossimità dell’area del Centro per le Biotecnologie e per le riceche mediche della Fondazione Rimed dove dovrebbe sorgere anche l'Ismett 2.

Nel corso dell’incontro convocato lunedì 7 febbraio al Mit, ministero Infrastrutture e Trasporti, e presieduto dal ministro Enrico Giovannini, con la partecipazione degli amministratori delegati di Anas e Rfi, si sono esaminati numerosi progetti già finanziati su risorse del Pnrr nella città e nella area metropolitana di Palermo. “In tale incontro con il Ministro - ha dichiarato il Sindaco Leoluca Orlando - ho rappresentato progetti ed esigenze della realtà palermitana accompagnato dai tecnici della Città Metropolitana".

Tra questi progetti vi è la realizzazione delle infrastrutture del territorio di riferimento di Rimed ed Ismett 2.  Ed è proprio in merito all’attuazione delle proposte di intervento del progetto di viabilità per l’accesso alla nuova struttura Rimed di Carini CBRB/ISMETT2 per cui è in corso la progettazione a cura dello studio dell’architetto Renzo Piano, e di cui si ipotizza l’apertura nel 2027, che si è svolto oggi nella sala Martorana di Palazzo Comitini, una riunione tecnico-operativa. Alla riunione era presente oltre al sindaco metropolitano, Leoluca Orlando, il segretario-direttore generale Antonella Marascia, il capo area Viabilità, Salvatore Pampalone, i vertici dell’Anas e in collegamento remoto Giuliano Colangeli, rappresentante del ministero delle Infrastrutture. Hanno partecipato inoltre rappresentanti legali e amministrativi del Rimed e dell’Ismet e l’ufficio Staff Pnrr della Città Metropolitana di Palermo, promotore su individuazione del ministero delle Infrastrutture.

La Città Metropolitana di Palermo è stata individuata come Ente facilitatore della realizzazione del progetto in particolare per quanto concerne l’accessibilità al centro Rimed. Nel corso della riunione si è discusso dei progetti inerenti all’accessibilità, una parte dei quali già finanziata dalla Città Metropolitana di Palermo. Il ministero delle Infrastrutture si è reso disponibile a finanziare un piano complessivo su cui i tecnici stanno già lavorando e che verrà consegnato la prossima settimana. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due strade da rifare e una nuova stazione ferroviaria, i progetti per l'area Rimed-Ismett 2 nel Pnrr

PalermoToday è in caricamento