rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

La Sicilia apre agli studenti della riva Sud del Mediterraneo: un milione per la cooperazione

Le risorse messe a disposizione dal bando “Istruzione superiore” finanzieranno i progetti vincitori che dovrebbero partire tra maggio e giugno e concludersi alla fine del 2022. Dodici le proposte presentate. L'assessore Lagalla: "Gli istituti tecnici superiori avranno per la prima volta la possibilità di partecipare ad un progetto internazionale"

La Regione Siciliana apre le porte agli studenti algerini, giordani, marocchini e tunisini promuovendo, insieme all'agenzia ministeriale Indire, 12 progetti di cooperazione transnazionale o di ricerca presentati dagli istituti di formazione terziaria nell'ambito del bando “Istruzione superiore”. Lo scopo dell'iniziativa è incentivare e supportare la collaborazione con la riva sud del Mediterraneo, favorendo lo scambio di buone pratiche, la definizione di progettualità congiunte, lo sviluppo del networking tra gli istituti e a potenziare la promozione dell’offerta formativa dell’Isola. Le risorse messe a disposizione dal Fondo sociale europeo ammontano a un milione di euro e finanzieranno i progetti vincitori.

“Grazie a questo bando università, conservatori, accademie di belle arti e istituti tecnici superiori - ha sottolineato Roberto Lagalla, assessore regionale all’Istruzione e Formazione professionale - avranno la possibilità di costruire e proporre progetti di collaborazione con analoghe istituzioni della sponda sud del Mediterraneo per favorire le attività di ricerca, la collaborazione didattica, l’integrazione tra i giovani e il confronto internazionale. Siamo molto soddisfatti di questo passaggio - conclude Lagalla - che segna un cambio di passo importante e contribuisce alla diffusione internazionale della proposta formativa del nostro sistema di istruzione superiore. Inoltre, grazie a questa iniziativa, gli Its avranno per la prima volta la possibilità di partecipare ad un progetto internazionale”.

Nel dettaglio sono sei i progetti palermitani: uno è stato presentato dall’Accademia di Belle arti, uno dal Conservatorio di musica, uno dell'ITS Steve Jobs, tre dall'Università. A questi si aggiungono un progetto del Conservatorio di Trapani, uno dell'ITS Emporium del Golfo di Alcamo, due dall'Ateneo catanese e altrettanti da quello messinese. Le risorse messe a disposizione del bando, pari ad un milione di euro, finanzieranno i progetti vincitori. I progetti presentati - secondo il bando, scaduto lo scorso febbraio - devono avere finalità di carattere formativo o culturale, arricchire il capitale umano e incrementare l’occupabilità, innalzare la qualità dell’insegnamento e le capacità professionali anche attraverso il potenziamento dell’uso delle nuove tecnologie e accrescere lo sviluppo di competenze linguistiche e interculturali.

"E' già cominciata la fase di valutazione dei progetti - ha spiegato Flaminio Galli, direttore generale dell'Agenzia nazionale Indire Erasmus+  - che si sono dovuti rimodulare, prevedendo anche la loro attuazione a distanza, attraverso attività multimediali e online, a causa delle attuali restrizioni Covid. Al termine della fase di valutazione si procederà alla stipula delle convenzioni in modo che i progetti possano partire tra maggio e giugno e concludersi alla fine del 2022". Già nella fase di progettazione, gli Afam e gli Its siciliani hanno avviato relazioni con le ambasciate italiane e gli Istituti italiani di cultura nei Paesi di riferimento per individuare qualificati soggetti di partenariato, potenziando il loro processo di internazionalizzazione. L'integrazione tra i fondi del Fse e quelli Erasmus ha consentito l'avvio di queste azioni di miglioramento del sistema di istruzione superiore siciliano, dimostrandosi di fatto una buona pratica riconosciuta dalla Commissione europea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Sicilia apre agli studenti della riva Sud del Mediterraneo: un milione per la cooperazione

PalermoToday è in caricamento