Processo trattativa, reato di calunnia prescritto per Massimo Ciancimino

Il presidente della Corte d’assise Angelo Pellino lo ha annunciato nel corso dell’udienza stralcio di ieri. Il figlio di Don Vito, ex sindaco di Palermo, era stato scarcerato di recente ma non era presente in aula

Massimo Ciancimino

Reato prescritto per Massimo Ciancimino al processo sulla trattativa Stato-mafia. La Corte di assise di appello di Palermo ha accolto la richiesta della difesa e ha dichiarato prescritto il reato di calunnia per cui era stato condannato in primo grado ad otto anni di carcere. Il presidente della Corte d’assise Angelo Pellino - Vittorio Anania giudice a latere - lo ha annunciato nel corso dell’udienza stralcio di ieri. “Dichiara di non doversi procedere essendo il reato prescritto per intervenuta prescrizione il 2 aprile 2018", ha detto Pellino. Ciancimino era stato scarcerato di recente ma non era presente in aula.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento