Cronaca

Caso Saguto, il 10 ottobre il processo approda in Cassazione

La Suprema Corte dovrebbe mettere la parola fine alla vicenda. Secondo l'accusa, la ex presidente della Sezione misure di prevenzione del tribunale avrebbe gestito in "modo clientelare e illegale i beni sequestrati e confiscati alla mafia"

Il prossimo 10 ottobre la Corte di Cassazione dovrebbe mettere la parola fine sul processo Saguto. Si terrà in quella giornata l'udienza, come conferma all'Adnkronos l'avvocato Giuseppe Reina, che con Ninni Reina, difende l'ex giudice Silvana Saguto, nel frattempo radiata dall'ordine giudiziario.

Secondo l'accusa, la ex presidente della Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, avrebbe gestito in "modo clientelare e illegale i beni sequestrati e confiscati alla mafia gestendo illecitamente le nomine degli amministratori giudiziari, scegliendo solo professionisti a lei fedelissimi".

In cambio avrebbe ricevuto da loro favori e regali. I giudici di secondo grado aumentarono di quattro mesi la condanna per Silvana Saguto che in primo grado era stata condannata a 8 anni e 6 mesi, mentre in appello sono diventati 8 anni, 10 mesi e quindici giorni. Per il resto, il collegio a luglio 2022 confermò le valutazioni del tribunale, che aveva fatto cadere l'accusa di associazione a delinquere. E' rimasta invece confermata l'accusa di corruzione. Secondo l'accusa, l'ex giudice avrebbe intascato una somma di 20 mila, consegnata dall'avvocato Gaetano Cappellano Seminara, condannato, a 7 anni e sette mesi.

fonte Adnkronos

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Saguto, il 10 ottobre il processo approda in Cassazione
PalermoToday è in caricamento