Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Neonata morì dopo 24 ore dal parto, "Analizzati i reperti sbagliati"

I fatti risalgono al 2012. Nata alla clinica Candela, è morta all’ospedale Civico. L'inchiesta penale si è conclusa con l'archiviazione delle posizioni degli indagati, ma i nuovi test rimettono tutto in discussione. Per il perito sono stati analizzati i campioni di un altro bimbo

Una neonata morta, un'indagine durata sei anni che non ha portato ad alcun risultato e che adesso potrà anche ripartire da zero perchè i reperti analizzati erano quelli sbagliati. E' la paradossale vicenda vissuta dai genitori della piccola Margherita, nata il 30 settembre 2012 e morta l’indomani, l’1 ottobre.

La mamma per il parto era ricoverata alla clinica Candela, il decesso però è avvenuto all’ospedale Civico. L'inchiesta 'penale si è conclusa con l’archiviazione delle posizioni degli indagati. Secondo i risultati della perizia disposta dai giudici, la neonata morì per un’infezione contratta quando era ancora nella pancia della mamma e che, quindi, i medici non potevano evitare.

Il legale della famiglia, l’avvocato Rosalba Di Gregorio, ha continuato a fare svolgere accertamenti. Due le novità emerse: non risulterebbe alcuna infezione ai polmoni della piccola e il dna della placenta analizzata non sarebbe compatibile con quello della madre, anzi apparterebbe a un neonato di sesso maschile.

I risultati dei test sono stati depositati e potrebbero rimettere tutto in discussione. Resta da capire come sia davvero morta la bimba. E, adesso, si dovrà spiegare anche l'errore nelle analisi. Ormai però sono passati sei anni e anche se si dovesse aprire un nuovo procedimento, probabilmente l’aspetto penale finirebbe con una prescrizione. Resta invece l'ipotesi risarcimento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neonata morì dopo 24 ore dal parto, "Analizzati i reperti sbagliati"

PalermoToday è in caricamento