Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

"Non diffamarono Messineo", assoluzione per direttore e due giornalisti di Panorama

A giudizio Giorgio Mulè e i giornalisti Riccardo Arena e Andrea Marcenaro. Erano accusati di avere diffamato l’ex procuratore di Palermo in un articolo del 2009 dal titolo: “Aridatece il Procuratore Caselli”

Francesco Messineo

La quinta sezione della Corte di Appello di Milano, presieduta da Pietro Carfagna, ha assolto il direttore di "Panorama" Giorgio Mulè e i giornalisti Riccardo Arena e Andrea Marcenaro dall’accusa di aver diffamato l’ex procuratore di Palermo Francesco Messineo.  Lo rende noto lo stesso settimanale.

Arena e Marcenaro rispondevano del reato di diffamazione in concorso quali autori di un articolo pubblicato dal settimanale nel dicembre del 2009 dal titolo: “Aridatece il Procuratore Caselli”, a Mulè era contestato il reato di omesso controllo. In primo grado Arena e Marcenaro erano stati condannati a un anno di reclusione, Mulè a otto mesi di reclusione.

Il giudice di primo grado, Caterina Interlandi, non aveva concesso i benefici della sospensione condizionale della pena a Marcenaro e Mulè e aveva inoltre condannato gli imputati a risarcire Messineo con la somma di trentamila euro. La Corte d’Appello ha ribaltato il giudizio e assolto Arena e Marcenaro perché il fatto non costituisce reato e Mulè perché il fatto non sussiste.

"Piena soddisfazione" viene espressa dall’Ordine dei giornalisti di Sicilia. “La sentenza - dice il presidente Giulio Francese - riporta alla ribalta il tema dei reati di opinione, la cui sanzione andrebbe riconsiderata. Tanto più per quanto riguarda l’applicazione della sospensione condizionale della pena che andrebbe sempre garantita ai giornalisti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non diffamarono Messineo", assoluzione per direttore e due giornalisti di Panorama

PalermoToday è in caricamento