"Favori e mazzette" per i trasporti marittimi: chiesto processo per Crocetta, Vicari e Caronia

Dopo quasi due anni di indagini dall’operazione dei carabinieri Mare Monstrum la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio anche per gli armatori Vittorio ed Ettore Morace. Politici e funzionari sotto inchiesta per aver favorito la Liberty Lines

Uno degli aliscafi della Liberty Lines

Mazzette, regali e favori sulle gare d’appalto della Regione per l’assegnazione dei contributi sui collegamenti navali tra la Sicilia e le isole minori. C’è questo e tanto altro dietro la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura di Palermo per l’ex governatore Rosario Crocetta, l’ex sottosegretario al ministero dell’Economia Simona Vicari e Marianna Caronia, consigliere comunale e deputato regionale. Richiesta che arriva a due anni dall'operazione dei carabinieri Mare monstrum che hanno indagato su connivenze e accordi che avrebbero favorito la compagnia Liberty Lines.

Il sostituto procuratore Francesco Gualtieri e l’aggiunto Sergio Demontis hanno quantificato in 10 milioni di euro i guadagni facili ottenuti dai Morace. Gli attori coinvolti nell’ambito politico sarebbero numerosi. Come Crocetta, che avrebbe ricevuto dagli armatori un contributo elettorale da 10 mila euro per - secondo l’accusa - esercitare pressioni sugli uffici regionali. O come la senatrice Vicari, che avrebbe ricevuto due orologi di lusso (un Rolex e un Bulgari per un valore complessivo di 12 mila euro) per essere riuscita a far approvare un articolo della finanziaria che avrebbe rotto l’aliquota sul trasporto marittimo dal 10 al 4%.

La richiesta di rinvio a giudizio riguarda anche Marianna Caronia e l’ex vice presidente della commissione antimafia regionale Mimmo Fazio. Il processo è stato chiesto dai pm palermitani anche per l’ex dirigente del dipartimento Trasporti della Regione Siciliana, Salvatrice Severino. Secondo l’accusa avrebbe gestito lei gran parte degli accordi che poi avrebbero favorito i Morace, modulando i bandi per l’assegnazione dei contributi regionali. Come confermerebbero alcuni scritti del marito della donna, un ex carabiniere, che avrebbe appuntato tutto su quei rapporti illeciti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli indagati sono accusati a vario titolo dei reati di corruzione, turbata libertà degli incanti, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, accesso abusivo a sistema informatico e rivelazione del segreto d’ufficio.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento