Lite dopo incidente, perde un occhio a causa di un pugno: automobilista a processo

Dovrà rispondere del reato di lesioni gravissime. Lo scontro risale al 3 febbraio 2017, in via Dante. La vittima dell'aggressione era scesa dalla macchina per controllare l'assicurazione dell'altro, poi è stata colpita da un pugno

Il tribunale di Palermo

Litigano dopo un banale incidente e uno dei due colpisce l’altro con un pugno rendendolo cieco da un occhio. Dovrà rispondere di lesioni gravissime l’automobilista palermitano Baldassare Conticelli, rinviato a giudizio dal giudice Nicola Aiello per quanto accaduto non lontano dal Politeama agli inizi del 2017. Il processo inizierà il prossimo 17 maggio nella seconda sezione penale del tribunale di Palermo in composizione monocratica.

Lo scontro è avvenuto il 3 febbraio dello scorso anno. Secondo quanto ricostruito Conticelli stava percorrendo un tratto di via Dante nella corsia d’emergenza. Facendo manovra per rimettersi correttamente in carreggiata avrebbe urtato un’altra auto che viaggiava nella stessa direzione e a pochi metri di distanza: un lieve scontro senza conseguenze fisiche per entrambi (nessun danno neanche per le auto).

L’altro automobilista a quel punto sarebbe sceso dalla sua macchina per chiedere spiegazioni e controllare il talloncino dell’assicurazione. "Hai torto", gli disse. Per tutta risposta Conticelli - secondo quanto ricostruito dall’accusa - lo avrebbe colpito improvvisamente in faccia facendolo stramazzare al suolo e rendendo necessario l’intervento di un’ambulanza. Ma neanche l’intervento dei medici è servito a salvargli l’occhio. Dalla strada al tribunale: qua Conticelli dovrà difendersi dall'accusa di lesioni gravissime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Francesco Benigno in tv: "Mio padre mi legava con le catene, ho dormito dappertutto"

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento