menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Una villa in cambio di agevolazioni per i fondi Ue", condannato Cascio

L'ex presidente dell'Ars è stato ritenuto colpevole di corruzione. Deve scontare 2 anni e 8 mesi. Avrebbe fatto ottenere ad alcuni imprenditori dei fondi europei per realizzare un golf resort, ottenendo in cambio "lavori e servizi". Sospeso da deputato, al suo posto Di Maggio

L'ex presidente dell'Assemblea regionale siciliana ed ex assessore al Turismo Francesco Cascio è stato condannato a due anni e otto mesi di reclusione. Oggi deputato regionale con Ncd, Cascio è stato ritenuto colpevole di corruzione. Il processo si è svolto con il rito abbreviato.

Cascio avrebbe fatto ottenere ad alcuni imprenditori dei fondi Ue per realizzare un golf resort, ottenendo in cambio "lavori e servizi" per la costruzione di una villa a Collesano. I fatti contestati risalgono al periodo 2001-2004, quando l'esponente politico era assessore al Turismo. I lavori sono invece stati ralizzati nel 2010. Cascio avrebbe agito "in concorso" con altri due ex dirigenti regionali, Agostino Porretto e Aldo Greco, che hanno scelto il rito ordinario e sono stati rinviati a giudizio e il processo comincerà il 6 marzo prossimo.

Dopo la lettura della sentenza, Cascio ha avuto un malore.  Come immediata conseguenza, c'è la sospensione dal seggio all'Ars in virtù della legge Severino. Al suo posto subentrerà Giuseppe Maggio, che si era candidato con il Pdl.

“Se Francesco Cascio non si fosse sentita la coscienza a posto, non avrebbe scelto il rito abbreviato ma quello ordinario, fidando soltanto sui tempi piuttosto che sulla propria estraneità a fatti che configurino reato”, commentano i deputati regionali del Nuovo centro destra in una nota. I colleghi di partito esprimono “vicinanza all’amico Francesco, certi come siamo che potrà e saprà fare chiarezza nel processo di appello, facendo valere le proprie ragioni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento