Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Via Ballaro

La Curia: "Nessun inchino a Ballarò, il diavolo dentro mafiosi e giornalisti"

Il priore dell'Ordine dei Carmelitani Padre Pietro Leta interviene con una nota sulla polemica scatenata dopo il presunto "inchino" della statua della Madonna del Carmine davanti all'agenzia di pompe funebri dei familiari del boss Alessandro D'Ambrogio

La statua della Madonna del Carmine a Ballarò

Nessun “inchino”, solo una sosta come tante. La Curia di Palermo attraverso una nota "esclude categoricamente che con la statua della Madonna sia stato operato alcun genere di inchino o altri gesti o segni similari". Il priore dell'Ordine dei Carmelitani Padre Pietro Leta interviene così sulla polemica scatenata dopo il presunto “inchino” della statua della Madonna del Carmine, durante la processione lungo le vie del quartiere Ballarò, davanti all'agenzia di pompe funebri dei familiari del boss di Cosa nostra Alessandro D'Ambrogio, oggi al 41bis nel carcere di Novara.

"Solo una sosta – si legge - dovuta solamente e precisamente su richiesta formale di una coppia di genitori che ha presentato il proprio bambino da issare al viso della Madonna". Così, in una nota Padre Pietro Leta intende fornire "la sua diretta esperienza dei fatti, vissuta in prima persona" della processione svoltasi domenica scorsa e finita sotto i riflettori della stampa locale e nazionale.

E ancora, ha precisato che "il boss in questione, infiltrato in mezzo ai Confrati due anni fa all'uscita della statua della Madonna non ha mai fatto parte della Confraternita". "Attorno alla vara della statua - si legge nella nota - oltre ai membri della Confraternita che indossano l'abitino ufficiale loro proprio, si affiancano diversi uomini che indossano uno scapolare fatto in casa, il 'fai da te' usato da diverse generazioni e passato da padre in figlio".

"Siamo certi - conclude Padre Leta - che il diavolo si annida dentro i mafiosi, ma è altrettanto vero che fa anche breccia dentro alcuni giornalisti disposti a fare scoop a qualsiasi costo. Come Carmelitani, teniamo a precisare che nella nostra azione pastorale in mezzo al popolo che siamo chiamati a servire, cerchiamo di fare delle scelte secondo il Vangelo, seguendo con grande attenzione gli insegnamenti della Chiesa, e in particolare in questo momento storico quanto Papa Francesco con naturalezza, ma con grande fermezza, stigmatizza sulla mafia e sulla zizzania dentro e fuori la Chiesa".

LA REPLICA DELL'ASSOSTAMPA: "PAROLE SCONCERTANTI"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Curia: "Nessun inchino a Ballarò, il diavolo dentro mafiosi e giornalisti"

PalermoToday è in caricamento