Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Piana degli Albanesi

In 3 mila a Portella della Ginestra per la festa dei lavoratori, la Cgil: "Il precariato va superato"

Massiccia l'affluenza alla manifestazione, nonostante la fitta pioggia e la nebbia: decine i pullman giunti da tutta Italia. Il segretario provinciale Mario Ridulfo: "Dopo 76 anni dalla strage la nostra lotta di liberazione continua"

In 3 mila oggi a Portella della Ginestra per la Festa dei Lavoratori organizzata dalla Cgil Palermo, quest’anno assieme alla Flc Cgil nazionale. Dopo gli anni della pandemia, l’affluenza, nonostante la fitta pioggia e la nebbia, è tornata quella di un tempo. In tantissimi hanno partecipato al corteo che da Piana degli Albanesi ha raggiunto Portella e decine i pullman giunti da tutta Italia con le delegazioni della Flc sul  pianoro della strage per il comizio, dove 76 anni fa la banda Giuliano sparò contro la folla di contadini riuniti per la festa, provocando 11 morti e tantissimi feriti.    

Elly Schlein: "Sì al salario minimo, no al decreto povertà" | Video

Dopo la deposizione di una corona e l’omaggio al cimitero, con la partecipazione dell’amministrazione comunale e dell’eparchia di Piana, appuntamento alle 9 alla Casa del Popolo. Il corteo, aperto dalla banda comunale di Mezzojuso con le note di Bella Ciao e Bandiera Rossa, è partito intorno alle 10.  Alle 11 il comizio sul luogo della strage, accanto al Sasso di Barbato.  Ha quindi preso la parola Maria Modica, responsabile della Camera del Lavoro di Piana degli Albanesi, che ha introdotto il comizio con la lettura dei nomi delle vittime. Per portare un breve saluto è intervenuto Adelmo Cervi, eccezionalmente a Portella, figlio di Aldo, uno dei sette fratelli fucilati dai fascisti a Reggio Emilia nel dicembre di 80 anni fa. 

"Il Primo maggio a Portella della Ginestra si ricordano le vittime del 1947, è un luogo della memoria e del ricordo. Ma Portella della Ginestra è anche luogo di lotta, di rivendicazione, di libertà, di lotta alla mafia - ha detto Maria Modica - Il mondo del lavoro è cambiato,diverse e nuove sono le esigenze.  Pertanto occorre immaginare un sistema di tutela adeguato e attento ai nuovi bisogni del mondo del lavoro. L’obiettivo deve essere il superamento del precariato, un lavoro dignitoso che dia stabilità economica. Sempre più spesso si sente parlare di un lavoro che non sia il centro della vita di ogni donna e ogni uomo ma lasci la possibilità di cercare la felicità e di godere del tempo libero". 

Salari, fisco, sanità, lotta alla precarietà, giovani: su questi temi anche a Palermo continua la mobilitazione della Cgil. "La festa dei lavoratori - ha detto nel suo intervento il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo - non è il nostro punto di arrivo, 76 anni dopo la strage la nostra lotta di liberazione continua. Per lo sviluppo della Sicilia, per la legalità, per i diritti, per i più giovani. Siamo nel pieno di una crisi di sistema e le forze politiche tutte hanno difficoltà a rappresentare le istanze del mondo del lavoro e a indicare un progetto di cambiamento credibile e soprattutto condiviso con le lavoratrici ed i lavoratori. Nei giorni scorsi le segreterie nazionali di Cgil, Cisl e Uil hanno deciso la ripresa di una mobilitazione unitaria, dopo oltre due anni di iniziative separate. E siamo tutti impegnati in una campagna di assemblee nei luoghi di lavoro e nei territori che precede le tre manifestazioni programmate nei prossimi giorni a Milano, Bologna e Napoli". 

Anche dalla piazza di Palermo è stata ribadita la necessità di cambiare le politiche economiche e sociali del governo, che non rispondono alle esigenze del mondo del lavoro. "Il governo con una mano dà e con l’altra prende – aggiunge Ridulfo -  Da un lato, per tentare di fermare il malcontento e la nostra mobilitazione, annuncia la riduzione dei carichi fiscali sul lavoro e sui redditi, tra l’altro determina riduzioni e tagli alla spesa sociale a tempo indeterminato. Da un lato si annunciano tagli al cuneo fiscale irrisori e dall’altro si determinano tagli per i rinnovi dei contratti di lavoro, tagli alle misure di contrasto alla povertà e congelamento alla spesa sanitaria che nella nostra realtà significa un ulteriore colpo al diritto alla salute. Quello che invece è certo – ha proseguito Ridulfo - che si continua a tassare il lavoro dipendente e le pensioni, più delle rendite finanziarie e questo è inaccettabile. Come è inaccettabile che buona parte della politica italiana, del parlamento e di tutto il governo non sentono la sofferenza del mondo del lavoro, gli appelli che sisono alzati in tutte le piazze in questi mesi". 

"Per questi motivi – ha concluso Ridulfo - la nostra mobilitazione è stata continua e ininterrotta, e continuerà perché le condizioni economiche delle persone, delle famiglie in questi anni sono peggiorate e destinate con le politiche e le scelte di questo governo a peggiorare, nonostante le rassicurazioni e le furbizie. La mobilitazione non si interrompe in quella data, non si ferma fino aquando non avremo le risposte alle nostre richieste”.   

La manifestazione si è conclusa con l’intervento del segretario generale Flc Cgil nazionale Francesco Sinopoli: "La Flc Cgil è oggi a Portella della Ginestra, nella Piana dove mafiosi e forze reazionarie trucidarono donne, uomini e bambini, perché ricordare quell’eccidio non è né rituale, né banale. Portella rappresenta il simbolo mai sconfitto della lotta del nostro sindacato e del mondo del lavoro contro ogni aggressione alla libertà, alla democrazia, ai diritti. Con quella strage, la prima di Stato, si volle contrastare ogni possibilità di cambiamento e fermare il movimento dei lavoratori. Per questo, tenerne viva la memoria significa trarre una lezione sempre attuale di antifascismo, di lotta per la democrazia e contro la mafia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In 3 mila a Portella della Ginestra per la festa dei lavoratori, la Cgil: "Il precariato va superato"
PalermoToday è in caricamento