A Caccamo primo caso di Coronavirus, il sindaco: "Il cammino è ancora lungo"

Si tratta di un uomo ricoverato all’ospedale Cervello. Il Comune ha avviato le indagini per scoprire tutte le persone che potrebbero essere state a contatto con lui

Il castello di Caccamo

Primo caso di Coronavirus a Caccamo. La notizia è stata diramata dal sindaco Nicasio Di Cola tramite le pagine social: “Cari concittadini, con immenso dispiacere abbiamo appena ricevuto la comunicazione che il tampone effettuato ieri al nostro concittadino per accertare il contagio da Covid-19 è risultato positivo. A lui va il sostegno e la vicinanza di tutta la nostra comunit. Il cammino davanti a noi è ancora lungo”.

Si tratta di un uomo adesso ricoverato all’ospedale Cervello le cui condizioni generali sarebbero buone. “Questa notizia - scrive il sindaco Di Cola - genera inevitabilmente sconforto, preoccupazione e paura ma dobbiamo essere forti, soprattutto non dobbiamo perdere la calma. Saranno adottate tutte le misure di contenimento per evitare il diffondersi del virus nella nostra città”.

In Sicilia sfiorati mille contagi, 33 i guariti

Nicasio Di Cola sindaco Caccamo-2L’amministrazione ha infatti avviato le indagini insieme all’Asp e alla protezione civile per ricostruire gli ultimi contatti che l’uomo avrebbe avuto, tra concittadini e attività commerciali. Il sindaco ha poi ordinato l'isolamento domiciliare per due settimane per una quindicina di concittadini e la sanificazione dell'ufficio postale, la filiale della Banca di credito cooperativo, un aliementari e una macelleria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Rivolgo ancora una volta a tutti voi, ora più che mai, l’invito a uscire di casa soltanto per motivi di necessità. Non è un’indicazione - scrive Di Cola - ma un obbligo. Siamo in un momento molto delicato, stiamo vivendo un’emergenza e in quanto emergenza dobbiamo concentrarci solo a superarla. Forza Caccamo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento