Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Prime famiglie di studenti disabili privati del diritto allo studio procedono con le denunce

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Un primo gruppo di genitori di alunni disabili gravi, privati dei servizi di Assistenza igienico-personale specializzato e del servizio trasporto dall'inizio dell'anno scolastico e per questo non frequentanti la scuola da settembre o discriminati durante le lezioni perchè senza assistenza, dalla Città Metropolitana di Palermo , con responsablità anche dell'Assessorato Regionale alla Famiglia e dell'USR per la Sicilia in merito alla garanzia sacrosanta del diritto allo studio, assistiti dallo studio legale dello Slai Cobas sc, Avv Catastimeni, si recheranno domani 8 novembre alle ore 16,30 alla Questura Centrale di Palermo in Piazza della Vittoria, per procedere con una nuova denuncia per l'ennesima e gravissima interruzione di pubblico servizio e negazione del diritto allo studio, sancito dalla Costituzione ma oggi nuovamente calpestato, verso le istituzioni che dovrebbero garantirlo. E' invitata la stampa. Slai Cobas sc Palermo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prime famiglie di studenti disabili privati del diritto allo studio procedono con le denunce

PalermoToday è in caricamento