Cronaca

Bagheria, pronto soccorso in un bene confiscato: pubblicata la gara d'appalto 

Il trasferimento dalla vecchia sede in via Capitani è più vicino. Il Comune ha affidato l'immobile in comodato gratuito per nove anni all'Azienda provinciale sanitaria che investirà più di 500 mila euro per realizzare la nuova struttura

La firma della convezione tra il Comune e l'Asp

Si stringono i tempi per il trasferimento del pronto soccorso di Bagheria da via Papa Giovanni al bene confiscato di via Giusto Capitani. "L'Azienda sanitaria provinciale - fanno sapere dal Comune - ha bandito la gara d'appalto per un importo di 519 mila di euro per realizzare appunto il nuovo Pte". La nuova sede è stata messa a disposizione dell'Asp, dal Comune in comodato gratuito per nove anni. La firma della convenzione tra il Comune e l'Asp risale allo scorso 6 luglio. Il presidio sorgerà in un’area a piano terra di 350 metri quadrati dove troveranno ospitalità anche il nuovo Centro Vaccinazioni, il Servizio di continuità assistenziale (l'ex Guardia Medica) e il 118.

“La città ed il suo comprensorio - commenta il sindaco Patrizio Cinque -  ha la necessità di poter contare su un presidio di soccorso e su servizi sanitari efficienti e siamo lieti che la nostra proposta sia stata accettata dall'Asp, che ci sia stata una proficua sinergia e che venga utilizzato a tal scopo un ben confiscato alla mafia che torna all’uso da parte della comunità”. 

L’amministrazione annuncia che l'Asp ha eseguito interventi anche nella vecchia struttura di via papa Giovanni XXIII e che ha raddoppiato l’organico del medico di turno nelle ore mattutine e pomeridiane.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bagheria, pronto soccorso in un bene confiscato: pubblicata la gara d'appalto 

PalermoToday è in caricamento