"No, al definanziamento degli atenei del Sud": studenti in presidio davanti all'Ersu

Gli universitari hanno aderito alla mobilitazione nazionale. Viale delle Scienze tappezzata di striscioni. Consegnate al rettore 400 firme, raccolte dall'Assemblea di Scienze politiche in lotta, per chiedere l'attivazione del servizio mensa

Studenti in presidio davanti alla sede dell'Ersu

"No, al definanziamento degli atenei del Sud, non siamo studenti di serie B". Questa mattina l'Univesità di Palermo si è svegliata tappezzata di striscioni contro le politiche portate avanti dal Miur. Come annunciato, gli studenti palermitani aderiscono così alla mobilitazione nazionale per il riscatto dell'università pubblica. Il Collettivo universitaro autonomo ha messo in atto un presidio davanti alla sede dell'Ersu e alcuni rappresentanti dell'Assemblea di Scienze politiche in lotta ha consegnato al rettore Fabrizio Micari 400 firme per chiedere l'attivazione del servizio mensa. L'incontro è andato a buon fine. "Il rettore - afferma Giorgio Tavella, dell'Assemblea di Scienze politiche in lotta - ha manifestato interesse per le richieste degli studenti impegnandosi a realizzare il servizio richiesto dagli studenti". Alle 15 nell'aula Seminari dell'Edificio 12 (ex facoltà di Lettere e Filosofia, Viale delle Scienze) si svolgerà un workshop sul tema cardine del definanziamento degli Atenei meridionali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Di fronte a tal situazione necessario - afferma Gianmarco Codraro, studente della facoltà di Ingegneria e portavoce del Collettivo Universitario Autonomo di Palermo - bisogna, da una parte, invertire la rotta rispetto ad un progetto, portato avanti trasversalmente da tutti i governi che si sono succeduti fino ad ora, di distruzione dell'Università pubblica, e dall'altro portare avanti una politica di rifinanziamento complessivo dell’Università che consenta a chi è già in servizio di progredire e a noi giovani di godere pienamente del diritto allo studio quindi di accedere liberamente all'università e formarci adeguatamente senza dover emigrare" . 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento