Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Covid e mafia, il neo questore si prepara alle sfide: "Cortese? Resterà nel cuore di tutti"

Leopoldo Laricchia, 61 anni, arriva dalla Questura di Brescia. Prende il testimone del "super poliziotto" che ha catturato diversi boss latitanti, tra i quali Bernardo Provenzano. "Siamo in una terra in cui non si deve mai abbassare la guardia. I cittadini devono avere fiducia"

 

Il nuovo questore di Palermo, Leopoldo Laricchia, 61 anni, è nato a Livorno e si è laureato in Giurisprudenza all'Università di Pisa. Dopo esperienze professionali come ufficiale della Marina militare nella Capitaneria di porto di Livorno e nel mondo bancario, entra nella polizia di Stato il 25 ottobre 1989 vincendo il concorso per vicecommissario. Dopo la frequenza del corso di 9 mesi presso l'Istituto superiore di Polizia a Roma, viene assegnato alla Questura di Torino, dove tra il 1990 ed il 1994 ricopre l'incarico di dirigente del commissariato San Donato. Dal 1994 al 2002 dirige i commissariati distaccati di Volterra e Pontedera in Toscana fino a quando, vincitore del primo concorso dirigenziale, viene promosso primo dirigente e assegnato alla Questura di Pisa come dirigente della Divisione polizia amministrativa, sociale e dell'immigrazione.

Durante il servizio come dirigente della Questura di Pisa riorganizza l'Ufficio immigrazione sulla base di innovativi principi ispirati a criteri di efficienza e trasparenza e lavora alla creazione di una fitta rete di contatti istituzionali con la costante partecipazione in posizione di protagonista in tutti i tavoli riguardanti il fenomeno migratorio, contribuendo a generare una forte leadership della Questura tra tutti gli enti pubblici e le associazioni private coinvolte nella gestione del fenomeno. Attività, questa, accompagnata da un'incisiva e costante comunicazione della cultura professionale in convegni, conferenze, tavole rotonde, masters universitari e altri eventi didattici, ben oltre i confini della provincia, in ambito nazionale ed anche internazionale.

Dal 2007 al 2012 dirige il commissariato di Viareggio con giurisdizione su tutta la Versilia e coordina i servizi di polizia e di soccorso in occasione della strage ferroviaria del 29 giugno 2009, per cui riceve l'encomio solenne e l'elogio dal capo della polizia, nonché il riconoscimento 'Alata Solertia" dal Movimento nuova presenza "Giorgio La Pira" con cerimonia di consegna svoltasi presso l'Università di Messina. Dal 1 settembre 2012 al 20 luglio 2014 svolge le funzioni di vicario presso la Questura di Pistoia e dal 21 luglio viene nominato vicario della Questura di Firenze. Il 2 giugno 2013 il Presidente della Repubblica gli conferisce l'onorificenza di cavaliere dell'ordine al merito della Repubblica italiana. Promosso dirigente superiore nella seduta del consiglio di amministrazione del 20 maggio 2015 ricopre l'incarico di ispettore generale presso l'Ufficio centrale ispettivo del Dipartimento della pubblica sicurezza. Dal primo dicembre 2015 è stato Questore della provincia di Imperia, dove ha gestito l'emergenza migranti sul confine di Stato.

I positivi risultati conseguiti nella gestione del complesso fenomeno da parte della Questura di Imperia sono stati molto apprezzati dalla comunità e il 13 dicembre 2016 il comune di Ventimiglia ha conferito la cittadinanza onoraria alla polizia di Stato. Per lo stesso motivo il capo della Polizia gli ha conferito l'encomio solenne. Dal 4 maggio 2017 al 25 marzo 2019 è stato Questore della provincia di Lecce dove ha gestito la delicata situazione dell’ordine pubblico in concomitanza con la costruzione del gasdotto Tap. Dal 26 marzo 2019 è stato nominato Questore della provincia di Brescia. Il 22 maggio 2020 è stato promosso dirigente generale di pubblica sicurezza dal Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. Dal 22 ottobre del 2020 assume l’incarico di Questore della provincia di Palermo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento