Cronaca

Piano delle opere pubbliche: 15 milioni di euro per l'illuminazione

Il prossimo consiglio comunale dovrà approvare il programma dei lavori per il triennio. La spesa crescerà gradualmente, arrivando a 3,5 miliardi di euro nel 2015. Si "rifaranno il trucco" il Teatro Massimo ed i Cantieri Culturali alla Zisa

Lavori in città con il piano triennale delle opere pubbliche

Oltre tre miliardi di euro in tre anni per scuole, fognature, illuminazione ed altro ancora. Presentato il programma delle opere pubbliche per il triennio 2013-15, atto propedeutico al bilancio di previsione 2013, all'interno del quale sono previsti oltre 660 interventi. Per quelli relativi all'anno ancora in corso ci saranno 240 milioni di euro a disposizione, già dotati di progettazione e copertura finanziaria. Nei due anni successivi la spesa crescerà gradualmente, salendo a 880 milioni di euro per il 2014 e 2,4 miliardi per il 2015. "Poche sono le risorse destinate agli impianti sportivi, ossia - spiega il vice presidente vicario del consiglio comunale Nadia Spallitta - 3 milioni di euro per la manutenzione straordinaria del Palazzetto dello Sport, 100 mila euro per lo stadio delle Palme e altrettanto per la piscina comunale. Le risorse per il verde pubblico - conclude - equivalgono alle somme derivanti dai Programmi di riqualificazione urbana (Pru)”.

Il prossimo consiglio comunale sarà chiamato ad affrontare un'importante delibera per la città. L’amministrazione dovrà tentare di risolvere, con le poche risorse disponibili, gli annosi problemi della vita cittadina: da quelli relativi al mondo della scuola, a quelli delle reti tecnologiche fognarie e di illuminazione, tentando di salvaguardare il patrimonio monumentale della città. Più sacrificati invece alcuni settori come quelli dello sport e del verde - spiega la Spallitta -. Il Comune continua a scontare i tagli dei trasferimenti di Stato e Regione che auspico possano trovare maggiori risorse, anche nei redigendi progetti comunitari, in vista della candidatura del capoluogo siciliano a Capitale dello Sport nel 2016 e della Cultura nel 2019”.

Nell'elenco annuale 2013 sonno in programma oltre cento interventi, già attuabili nell'anno in corso poiché dotati di progettazione e copertura finanziaria del valore di circa 221 milioni di euro. Le principali opere inserite nell’elenco annuale saranno relative alla manutenzione ed alla messa in sicurezza degli immobili di proprietà comunale, per lo più plessi scolastici: si tratta di interventi considerati prioritari al fine di evitare gravi disfunzioni che, negli ultimi anni, hanno caratterizzato l’andamento scolastico e relativi alla video sorveglianza degli istituti, per cui sono previsti 3,5 milioni di euro. Altre opere riguarderanno il recupero ed il restauro dei beni monumentali comunali, tra cui i Cantieri Culturali della Zisa (3,6  milioni di euro), il Teatro Massimo (5 milioni di euro per la ristrutturazione di sottotetti e logge), la chiesa di Santa Caterina di via Garibaldi (circa 1 milione di euro per lavori di consolidamento), il complesso monumentale di Santa Chiara (circa 1 milione di euro), 2 milioni per il complesso monumentale dello Spasimo ed 1 milione di euro per piazza Sant’Onofrio. Altri interventi riguardano, invece, il rifacimento di alcuni impianti di illuminazione, per una somma complessiva di 15 milioni di euro, e di numerosi tratti fognari (tra centro storico, Sferracavallo, Marinella e della zona limitrofa al fiume Oreto".

Altre opere interesseranno il canile municipale, per cui sono previsti circa 2,5 milioni di euro e circa 5 milioni per sette sovrappassi della Circonvallazione. "Poi - aggiunge la Spallitta - nel quartiere di Borgo Nuovo sono previsti interventi di edilizia residenziale per il valore di 30 milioni di euro, ed altri 15 per la messa in sicurezza di diverse parti del territorio, come Monte Pellegrino, il costone roccioso 'Monte Gallo', il costone roccioso di 'Bocca di Falco' ed il cimitero dei Rotoli". Infine è prevista la realizzazione di un Centro polifunzionale a Bonagia (2,5 milioni), del collegamento viario tra la via Palinuro e la via Mondello (2 milioni di euro), la manutenzione straordinaria del ponte sul fiume Oreto (3,8 milioni).

Con riferimento al programma triennale per l’anno 2014, il programma prevede, attraverso il programma del project financing, investimenti privati del valore di circa 419 mln di euro. In particolare, le opere di maggiore rilevanza riguardano le attrezzature culturali e la sistemazione area ferroviaria zona Notarbartolo (275 milioni), la realizzazione del cimitero a Ciaculli (44 milioni), dei Mercati Generali circa (46 milioni) e numerosi parcheggi. “Con riferimento a questi interventi dei privati - spiega ancora la Spallitta – il consiglio comunale non si è mai espresso sulla variante per lo spostamento dei Mercati Generali a Bonagia, in area di verde, ugualmente non è mai stato trasmesso al consiglio comunale il progetto per gli interventi individuati in zona ferroviaria Notarbartolo, mentre la proposta di variante al Piano regolatore relativa al cimitero di Ciaculli, proposta da privati su aree di verde agricolo e, in parte, su aree confiscate alla mafia, è stata in passato rigettata in aula. Dunque - conclude il vice presidente vicario - la previsione dei predetti interventi privati necessita ulteriori approfondimenti ed una valutazione specifica delle proposte e delle modalità di acquisizione delle stesse".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano delle opere pubbliche: 15 milioni di euro per l'illuminazione

PalermoToday è in caricamento