Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Il prefetto De Miro visita il comando provinciale della guardia di finanza

Si è trattato di una visita di commiato perchè l'alto funzionario è prossima alla pensione. Presenti il comandante provinciale, il comandante interregionale dell’Italia Sud-Occidentale e il comandante regionale

Il prefetto Antonella De Miro sta per andare in pensione e stamani ha visitato la caserma “Vincenzo Mazzarella”, sede del comando provinciale della guardia di finanza. A riceverla è stato il comandante provinciale, generale di brigata Antonio Nicola Quintavalle Cecere. La visita è iniziata con un breve incontro presso l’ufficio del comandante provinciale, presenti anche il comandante interregionale dell’Italia Sud Occidentale, generale di corpo D’armata Carmine Lopez, e il comandante regionale Sicilia, generale di divisione Riccardo Rapanotti, nel  corso del quale gli ufficiali generali hanno ringraziato il prefetto De Miro "per la costante e incisiva attività svolta a tutela della collettività, la grande capacità di favorire il costruttivo dialogo con i rappresentanti delle istituzioni e il clima 'di squadra' con cui sono state affrontate le complesse e delicate tematiche concernenti l’ordine e la sicurezza pubblica della provincia".

Nell’occasione, il prefetto De Miro ha ringraziato i finanzieri palermitani "per il costante e significativo impegno profuso per la tutela della legalità economica, l’incisiva azione di contrasto alle varie forme di infiltrazione della criminalità nel  tessuto produttivo a tutela degli imprenditori onesti, il constante concorso nei serviziinterforze e, da ultimo, il fattivo contributo assicurato nei controlli volti ad assicurare il rispetto delle misure adottate dal Governo per il contenimento dell’epidemia da Covid-19".

E proprio con riferimento a siffatta azione di controllo, il prefetto ha sottolineato l’importanza della recente operazione della guardia di finanza, che ha consentito di disvelare l’esercizio di ortofrutta all’ingrosso, abusivamente condotto nel quartiere Zisa da un concessionario, al di fuori della struttura mercatizia, con la successiva adozione di un’interdittiva antimafia emessa dallo stesso prefetto, alla luce di un accertato pericolo di infiltrazione mafiosa. La visita si è conclusa con la consegna al prefetto De Miro di un oggetto ricordo da parte di una rappresentanza di ufficiali a nome di tutte le fiamme gialle palermitane.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il prefetto De Miro visita il comando provinciale della guardia di finanza

PalermoToday è in caricamento