Il prefetto Antonella De Miro va in pensione: il saluto (senza strette di mano) ai carabinieri

Visita di commiato nella caserma Giacinto Carini. Il ringraziamento del Comando provinciale dell'Arma "per il grande impegno profuso a garanzia della collettività e l’ineguagliabile capacità organizzativa"

I carabinieri hanno accolto così il prefetto

Nella mattinata di oggi il Prefetto di Palermo, Antonella De Miro, ha visitato la caserma Giacinto Carini, sede del Comando provinciale dei carabinieri, dove è stata ricevuta dal Generale di Divisione Giovanni Cataldo, comandante della Legione Sicilia, e dal generale di Brigata Arturo Guarino, comandante provinciale di Palermo. L’incontro, organizzato poiché il prefetto è ormai prossimo alla pensione, è iniziato con un incontro nell’ufficio del comandante provinciale, nel  corso del quale - si legge in una nota arrivata dal comando dei carabinieri - "gli ufficiali generali hanno ringraziato Antonella De Miro per il grande impegno profuso a garanzia della collettività e l’ineguagliabile capacità organizzativa, che ha consentito uno straordinario coordinamento delle forze di polizia, nonché un’applicazione concreta ed efficace delle misure di prevenzione antimafia nella provincia”.

Nell’occasione, il prefetto ha poi voluto salutare una rappresentanza del personale dell’Arma della provincia di Palermo, ringraziando del lavoro svolto e della grande sintonia con gli uffici della Prefettura in tutte le materia di competenza. La visita si è conclusa con foto ricordo nella cornice del seicentesco chiostro francescano, ma senza le rituali strette di mano, in osservanza delle disposizioni governative per il contenimento della diffusione del Covid 19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento