Precari sanità siciliana: verso l'approvazione degli atti aziendali, ok alle stabilizzazioni

E' quanto emerso nel corso dell’incontro dei sindacati con l’assessorato regionale alla Salute. La Fials-Confsal Sicilia: "Attraverso l’applicazione delle nuove norme si amplia la platea dei beneficiari rispetto alla legge Madia"

Via libera all’approvazione finale degli atti aziendali e alla stabilizzazione dei precari delle strutture sanitarie siciliane. Lo comunica la Fials-Confsal Sicilia che questa mattina ha partecipato all’incontro dei sindacati con l’assessorato regionale alla Salute sul tema. “Gli atti aziendali – spiegano gli esponenti della Fials - stanno per essere approvati per trovare compiutamente applicazione. Si è discusso anche dello stato dell’arte dei processi di stabilizzazione. Attraverso l’applicazione delle nuove norme si amplia la platea dei beneficiari rispetto alla legge Madia estendendo il diritto nella dirigenza ad altre figure escluse come ingegneri e amministrativi. Per queste categorie, però, i criteri per l’assunzione devono essere posseduti entro il 31 dicembre 2017. Per le altre figure, medici e infermieri, si estende invece il criterio temporale al 31 dicembre 2019”. 

“L’applicazione delle norme contenute nel Milleproroghe - dichiara il segretario regionale Fials, Sandro Idonea - per l’ampliamento progressivo delle dotazioni organiche e l'assessorato ha risposto che invierà presto le direttive necessarie. Abbiamo anche chiesto aggiornamenti sulle stabilizzazioni dei contrattisti all’Asp di Palermo e l’assessorato ha confermato che è in corso l’attuazione dell’accordo che era stato siglato coi sindacati”.

Presenti per la Regione il capo di gabinetto dell’Assessorato, Rino Berlinghieri, il consulente per i rapporti sindacali Giuseppe Liberti, l’avvocato Daniele Sorelli e Gaspare Noto componente della segreteria particolare di Ruggero Razza. Per la Fsi-Usae, Federazione sindacati indipendenti organizzazione costituente della confederazione Unione sindacati indipendenti europei, il segretario regionale Calogero Conigli: “Abbiamo presentato alla riunione un documento con le nostre richieste. Tra i temi trattati quello degli atti aziendali e della stabilizzazione dei precari noi della Fsi-Usae abbiamo valutato positivamente il confronto in atto con l’assessore Razza e abbiamo chiesto l’apertura di un confronto con i direttori generali delle aziende sanitarie, ospedaliere, universitarie. Solo in questo modo si potrà garantire l’accelerazione dei processi assunzionali in generale e di stabilizzazione degli operatori sanitari della dirigenza e del comparto. Nella riunione - continua Conigli - c’è stato comunicato che oggi pomeriggio stesso l’assessorato emanerà la circolare con le indicazioni da seguire sulla stabilizzazione alle 17 aziende sanitarie. Dopo l'approvazione degli atti aziendali e così come stabilito con il piano di riordino abbiamo chiesto che per l’apertura dei nuovi reparti così come da previsione vengano dettati dall' assessorato degli step con verifica semestrale”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso dell'incontro è emerso che 6 su 17 atti aziendali sono già pronti. "Ci siamo riservati di intervenire - precisa Coniglio - con maggiore precisione dopo aver esaminato tutti i 17 testi. Successivamente all’approvazione degli atti aziendali nelle aziende si passerà alla rideterminazione delle dotazioni organiche delle aziende della Regione su questa abbiamo chiesto sin da subito che i coefficienti di attribuzione del personale infermieristico, tecnico, sanitario, ostetrico, della riabilitazione e degli Oss per posto letto siano il valore massimo del parametro proposto. Abbiamo sollecitato l’assessorato affinché siano stilate al più presto le graduatorie di concorso e mobilità di bacino regionale per infermieri e Oss, in tal senso abbiamo avuto come risposta rassicurazioni che già da maggio saranno pubblicate le mobilità degli infermieri e degli Oss. Durante la riunione lo staff ci ha illustrato il report delle assunzioni, dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2019, in due anni sono stati assunti 6.052 operatori sanitari tra medici, infermieri, tecnici, ostetriche e professioni sanitarie, di questi il 50 % tramite stabilizzazione. Infine, siamo tornati sull’argomento internalizzazione dei servizi di pulizia e ausiliariato perché la norma non dà garanzie a tutta la platea delle lavoratrici e dei lavoratori che da anni sono occupati negli appalti. Vorremmo dare una risposta certa e risolutoria fino in fondo e lo staff dell’assessorato si è mostrato disponibile ad individuarne le possibili soluzioni convocando riunioni specifiche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento