rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Cronaca Politeama / Piazza XIII Vittime

Controlli al porto, spinge poliziotti per non farsi identificare e poi li prende a calci e pugni: arrestato

Un tunisino di 19 anni è finito in manette con le accuse di resistenza e danneggiamento aggravato. Il ragazzo ha tentato la fuga: con non poche difficoltà è stato immobilizzato in prossimità del sottopasso di piazza XIII Vittime

Resistenza e danneggiamento aggravato. Con questa accusa la polizia ha arrestato un 19enne tunisino al termine di alcuni controlli al porto. I poliziotti sono intervenuti grazie a una segnalazione arrivata dal personale della Capitaneria di Porto.

"Stavano facendo degli accertamenti su un giovane straniero sprovvisto di documenti per potere procedere alla sua identificazione - dicono dalla questura -. Nel corso dell’intervento effettuato dagli agenti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, il 19enne nel tentativo di eludere il controllo, avrebbe spintonato vigorosamente uno dei poliziotti intervenuti dandosi a una precipitosa fuga in direzione di piazza XIII Vittime, incurante del pericolo generato dalla presenza di numerose auto e mezzi pesanti in transito in quel momento".

La fuga del ragazzo è stata prontamente bloccata e vanificata dagli agenti che sono riusciti con non poche difficoltà a immobilizzarlo e bloccarlo in prossimità del sottopasso di piazza XIII Vittime. "Durante queste fasi concitate - spiegano dalla questura - il giovane tunisino si sarebbe divincolato dalla morsa degli agenti colpendoli con un'imperterrita sequela di calci e pugni che sarebbe proseguita anche all’interno dell’auto di servizio". Per il 19enne è infine scattato l'arresto per resistenza e danneggiamento aggravato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli al porto, spinge poliziotti per non farsi identificare e poi li prende a calci e pugni: arrestato

PalermoToday è in caricamento