menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Parte del carico bloccato

Parte del carico bloccato

Al porto respinte 25 tonnellate di melograni: "Contenevano organismi nocivi"

Il carico, diviso in 52 cassette, proveniva dalla Tunisia. L'assessore regionale per l'Agricoltura Edy Bandiera: "Continua quotidianamente l'attività del governo Musumeci di controllo ai prodotti agricoli e agroalimentari in ingresso nel territorio siciliano"

Un maxi carico di melograni proveniente dalla Tunisia e destinato al mercato palermitano è stato bloccato al porto. I frutti, 25 tonnellate in 52 cassette, non rispettavano le norme europee a tutela dei consumatori per la "presenza diffusa di organismi nocivi". L'episodio risale allo scorso 20 gennaio ma è stato reso noto oggi dall'assessore regionale per l'Agricoltura Edy Bandiera.edy bandiera-2

Grazie al lavoro degli ispettori fitosanitari dell'assessorato Agricoltura è stato sottoposto a verifica il carico di melograni, proveniente dalla Tunisia e corredato di certificazione fitosanitaria (cert. Fito. n. 0016200 del 17-gennaio 2020 del servizio fitosanitario della Tunisia). All'apertura del carico, in presenza dello spedizioniere doganale incaricato e dei funzionari della Agenzia delle dogane, è emerso che "non era conforme all'ingresso in territorio europeo per la presenza diffusa di organismi nocivi. Alla luce di quanto rilevato, è stata immediatamente prodotta la documentazione atta al respingimento della partita di melograno e restituito il certificato fitosanitario tunisino, che accompagnava la merce".

"Continua quotidianamente l'attività del governo Musumeci di controllo ai prodotti agricoli e agroalimentari in ingresso nel territorio siciliano - afferma Bandiera - Vigiliamo senza tregua né sconti, nei porti, aeroporti, luoghi d'importazione e vendita, contro chi, per anni, ha lucrato sulla nostra salute e sulla nostra economia". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento