Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Porto, Palermo "saluta" il bacino galleggiante: via al trasferimento verso la Turchia

Le operazioni sono iniziate alle 9 e sono terminate intorno alle 13. La manovra, che ha visto impegnati tra l’altro quattro rimorchiatori, i piloti e gli ormeggiatori, si è svolta sotto la supervisione della Capitaneria

Questa mattina al porto è stato effettuato il "disormeggio" del bacino galleggiante da 50 mila tonnellate, per il successivo trasferimento al porto di Yalova, in Turchia. "Un'operazione che ha reso dopo numerosi anni nuovamente  fruibile un’ampia porzione di specchi di acqua del porto, scongiurando, nel contempo, che il bacino potesse - prolungandosi il periodo di mancata utilizzazione - deteriorarsi ed affondare, causando notevoli problemi", dicono dalla guardia costiera.

Le operazioni sono iniziate alle 9 e sono terminate intorno alle 13. La manovra, che ha visto impegnati tra l’altro quattro rimorchiatori, i piloti e gli ormeggiatori del porto, si è svolta sotto la supervisione della Capitaneria di Porto di Palermo, che, anche in questa occasione, ha operato in piena sinergia con l’autorità di sistema portuale, assicurando la piena efficienza di tutti i servizi tecnico–nautici.

La manovra, particolarmente complessa, si è potuta svolgere regolarmente a seguito dell’ordinanza della Capitaneria di porto che ha interdetto, per tutto l’arco della mattinata, l’ingresso, l’uscita e il transito di qualsiasi unità negli specchi acquei portuali e nel tratto di mare interessato dalle manovre. "Ciò è stato reso possibile grazie anche alla collaborazione degli operatori portuali e di tutto il cluster marittimo - dicono dalla guardia costiera -. E' venuta cosi a conclusione una complessa vicenda che da molti anni vedeva impegnati, in vari tentativi di soluzione, i diversi enti coinvolti, tra i quali la Regione e l’autorità di sistema portuale.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, Palermo "saluta" il bacino galleggiante: via al trasferimento verso la Turchia

PalermoToday è in caricamento