Dalla Turchia a Palermo passando per Bari, arrivate 34 mila tute per la Protezione Civile

Sono state "svincolate" dai funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli in servizio al porto. Si tratta di un primo carico relativo a una più ampia fornitura di 100.000 tute

Altre 34 mila tute protettive destinate al dipartimento delle Protezione Civile della Regione sono state "svincolate" dai funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (Adm), in servizio al porto. Si tratta di un primo carico, proveniente dalla Turchia e sbarcato a Bari, relativo a una più
ampia fornitura di 100.000 tute.

La procedura di "sdoganamento", eseguita in tempi brevissimi, ha consentito alla Protezione Civile di ottenere celermente la disponibilità dei dispositivi di protezione individuale (DpiI) necessari per affrontare l’emergenza sanitaria in corso.
  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento