Sindaco leghista ci riprova: “Togliere il nome di Impastato dalla biblioteca”

Già nel 2009 il Primo cittadino di Ponteranica, nel Bergamasco, voleva intitolare la struttura a una personalità locale, ma la decisione non andò in porto per le polemiche che divamparono. Adesso un nuovo tentativo

Peppino Impastato

Errare è umano, ma perseverare è diabolico. Forse non conosce questo detto il sindaco leghista di Ponteranica (in provincia di bergamo), Cristiano Aldegani, che a distanza di tre anni tenta nuovamente di cambiare il nome alla biblioteca comunale intitolata alla memoria di Peppino Impastato, il militante di Democrazia proletaria ucciso a Cinisi dalla mafia. “Meglio onorare personalità locali”, aveva detto nel 2009. Quindi secondo il sindaco sarebbe stato più corretto intitolare la biblioteca a Giancarlo Baggi, sacerdote sacramentino, studioso e scrittore nativo di Ponteranica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tre anni fa ci furono proteste in tutt'Italia, persino i padri Sacramentini di Valbona, che risiedono a poche decine di metri della biblioteca, evidenziarono che quella struttura dovesse rimanere intitolata a Peppino Impastato. Alla fine l’amministrazione comunale ritirò il provvedimento. Ora Aldegani ci riprova. Scatenando la protesta del fratello di Peppino, Giovanni. “Siamo pronti a scendere nuovamente in piazza – afferma – e faremo un appello al presidente della Repubblica. Questo provvedimento rischia di creare distanze tra le culture del Nord e del Sud d’Italia. Non vogliamo che ciò accada. A padre Baggi - conclude - si potrebbe dedicare un'altra struttura”. E nel paese non tutti condividono l'iniziativa del sindaco. L'opposizione in Consiglio comunale ha chiesto infatti il ritiro della decisione, definendo l'iniziativa del sindaco “un gesto di sfida e prevaricazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, Musumeci gela tutti: "Prima o poi arriveremo alla chiusura totale"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • In strada contro il Dpcm: ai Quattro Canti scoppia la guerriglia

  • Arancine, panelle e blatte: chiusa rosticceria abusiva nel cuore di Boccadifalco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento