Cronaca

Agente di polizia si spara alla testa Era indagato per abusi su una bambina

L'uomo, 46 anni, si è suicidato nella vasca da bagno di casa sua con la pistola d'ordinanza. A trovare il corpo è stata la moglie. Era stato accusato di molestie su una dodicenne. Aperta inchiesta per istigazione al suicidio

Il poliziotto era indagato per abusi su una dodicenne

Non ha retto a quell’accusa infamante e così ha deciso di farla finita. Un poliziotto palermitano di 46 anni, indagato per presunti abusi sessuali su una bambina di 12 anni, si è tolto la vita ieri sera sparandosi un colpo di pistola sulla tempia nella vasca da bagno di casa sua. Per compiere l’estremo gesto ha usato la pistola d’ordinanza. A ritrovare il corpo è stata la moglie.

L’uomo era stato arrestato dalla polizia su ordine del gip lo scorso luglio dopo la denuncia di un vicino di casa e si trovava agli arresti domiciliari. L’ultima goccia è stata una perquisizione dei suoi colleghi prima nella sua casa di Palermo e poi in quella di villeggiatura. L’agente, in servizio da 25 anni, non ha retto a quest’ultimo “affronto”. Aperta un’inchiesta per istigazione al suicidio.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agente di polizia si spara alla testa Era indagato per abusi su una bambina

PalermoToday è in caricamento