Cronaca

Pronto un piano per assumere 300 vigili urbani, M5S: "Non si creino nuovi precari"

In servizio attualmente ce ne sono 1.327, ma la pianta organica ne prevede 2.145. I nuovi agenti avrebbero un contratto a tempo determinato. Cinque Stelle e Spallitta: "Stabilizzate i precari"

Trecento vigili urbani in più, da inserire in organico al più presto e con contratti a tempo determinato. E' l'intenzione di Palazzo delle Aquile e c'è già un piano sulla scrivania del sindaco Leoluca Orlando che porta due firme: quella dell'assessore al Personale Gaspare Nicotri e quella del comandante della polizia municipale Vincenzo Messina. La richiesta di forze nuove parte da un dato di fatto: in servizio ci sono 1.327 agenti  (di cui 197 part-time a 23 ore a settimana), ma la pianta organica ne prevede 2.145. L'idea per non piace a tutti. Il M5S teme che si crei "un’altra sacca di precariato", per Nadia Spallitta si deve pensare "a stabilizzare i precari".

Il piano

Nel documento siglato da Nicotri e Messina si chiedono trecento unità aggiuntive, da inquadrare attraverso contratti a tempo determinato. Più volte il comandante ha sottolineato che quotidianamente via Dogali impegna i propri uomini su tanti fronti, dando una risposta alle esigenze della città. Esigenze che però sono tante, mentre il personale è esiguo. Su 1.327 caschi bianchi in servizio, 344 sono addetti alla viabilità e 48 alla polizia urbana. E poi 93 distaccati nelle sedi istituzionali, 37 allo Sviu (decoro e vivibilità), 13 alla pubblicità, 13 al nucleo ippomontato, 7 ai lavori stradali, 5 alla Ztl. E poi 114 fra Nopa, cinofili, verifiche sulla Tarsu. Distaccati in procura sono 35, 7 alla procura dei minori. C'è poi da fare i conti con quanti appartengono a categorie protette o hanno limitazioni fisiche accertate oppure ancora godono dei benefici della legge 104 e 197 svolgono lavoro part-time. Da qui la necessità di un piano assunzioni.

Le reazioni

Per il gruppo consiliare del Movimento Cinque Stelle “Assumere trecento agenti di polizia municipale part-time al Comune, per giunta a tempo determinato, significa creare un’altra sacca di precariato, in aggiunta ai quasi duecento vigili urbani già in servizio da otto anni e per poco più di 20 ore settimanali che andrebbero stabilizzati immediatamente portando il contratto a 36 ore, per migliorarne l'operatività. Inutile creare altri precari se intanto non si stabilizzano quelli già esistenti. Il rischio è che i turni a singhiozzo, in una città difficile come Palermo, possano creare inefficienze operative in termini di scarsi servizi ai cittadini. Ben venga ogni iniziativa che crei occupazione – precisano gli esponenti 5 stelle - ma il sindaco Leoluca Orlando invece di gonfiarsi il petto con annunci trionfali in periodo elettorale pensi piuttosto a risolvere i problemi strutturali di un Corpo, quello di via Dogali, che così com’è organizzato sembra utilizzato quasi esclusivamente per fare cassa attraverso le multe agli automobilisti, invece di garantire la sicurezza dei cittadini”. 

Secondo i grillini la “polizia municipale andrebbe potenziata con investimenti seri, senza il risparmio a tutti costi a scapito dei cittadini. Sul fronte del contrasto agli abusi edilizi per esempio – evidenzia il M5S – il personale del nucleo preposto è stato dimezzato negli ultimi due anni: appena quattro agenti per vigilare su tutto il centro storico. Alla luce di simili storture – concludono i componenti del gruppo consiliare – provvedimenti come quello di assumere 300 vigili precari appaiono carichi di demagogia e poco efficaci per rendere veramente funzionale la polizia municipale”.

Nadia Spallitta chiede che l’amministrazione stabilizzi "i 179 lavoratori part-time assunti a 23 ore settimanali, mentre il contratto collettivo prevede una attività lavorativa di 36 ore (leggi il comunicato integrale)".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronto un piano per assumere 300 vigili urbani, M5S: "Non si creino nuovi precari"

PalermoToday è in caricamento