rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Polizia ferroviaria, 400 persone controllate nelle stazioni siciliane

Operazione "Rail safe day". Gli agenti hanno svolto numerosi servizi di controllo per prevenire e reprimere comportamenti scorretti in ambito ferroviario "spesso causa di incidenti, in alcuni casi anche particolarmente gravi"

E' di 400 persone controllate e decine di irregolarità accertate e sanzionate il bilancio dell'operazione "Rail safe day" messo a segno dalla polizia nelle stazioni siciliane. Gli agenti hanno svolto numerosi servizi di controllo per prevenire e reprimere comportamenti scorretti in ambito ferroviario "spesso causa di incidenti, in alcuni casi anche particolarmente gravi - dicono dalla questura -. Ai servizi, coordinati dal compartimento polizia ferroviaria di Palermo hanno preso parte più di 100 agenti che hanno operato in 111 stazioni siciliane ed in altri siti ferroviari in cui più spesso sono stati accertati nel corso dell’ultimo periodo comportamenti irregolari e pericolosi da parte degli utenti, mettendo a repentaglio la sicurezza propria ed altrui".

"Oltre a sanzionare i trasgressori, gli agenti della Polfer - aggiungono dalla questura - hanno rimarcato l’importanza del rispetto delle basilari regole salva vita nel contesto ferroviario, come servirsi degli appositi sottopassaggi per spostarsi da un binario all’altro, non oltrepassare la linea gialla in attesa dei convogli e, in generale, non fare un uso improprio delle infrastrutture ferroviarie". La campagna di sicurezza "Rail safe day" si affianca alle attività di prevenzione che la polizia ferroviaria di Palermo, tramite il progetto “Train… to be cool”, porta avanti nelle scuole. L'ultima tappa all’istituto comprensivo Sperone-Pertini di Palermo.

"Gli agenti hanno infatti concluso il ciclo di lezioni che hanno introdotto circa 550 bambini delle scuola primaria e della secondaria di primo grado nell’affascinate, ma anche pericoloso, mondo ferroviario - concludono dalla polizia -. In particolare, sono stati evidenziati quei comportamenti, tipici del mondo giovanile (selfie, uso delle cuffiette, camminare guardando lo smatphone ec.), apparentemente innocui, ma che possono diventare pericolosi, se non addirittura letali, nell’ambiente sbagliato, come la linea ferrata. Attraverso filmati e giochi interattivi gli alunni hanno conosciuto da vicino l’attività della polizia ferroviaria ed appreso come muoversi in sicurezza a bordo treno, in stazione e nei pressi dei passaggi a livello".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia ferroviaria, 400 persone controllate nelle stazioni siciliane

PalermoToday è in caricamento