rotate-mobile
Cronaca Capaci

La polizia regala l'olio del Giardino della memoria di Capaci ai vescovi di Pisa, San Miniato e Volterra

Accolta l’iniziativa promossa dalla associazione 'Quarto Savona 15' (la sigla radio dell’auto di scorta)

Ricorre quest'anno il 31º anniversario delle stragi di Capaci e di via D’Amelio, in cui persero la vita i tre giudici Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Francesca Morvillo e gli otto poliziotti della loro scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina ed Emanuela Loi.

La polizia ha accolto l’iniziativa promossa dalla associazione 'Quarto Savona 15' (la sigla radio dell’auto di scorta), animata da Tina Montinaro, vedova del capo scorta, che proprio a Capaci coltiva un uliveto nel 'Giardino della Memoria' dove sono stati piantumati diversi alberi d’ulivo, ognuno dedicato ad una persona delle istituzioni caduta per mano mafiosa.

L’iniziativa, accolta con favore dalla Conferenza Episcopale Italiana, è quella di donare ad ogni diocesi del Paese un‘ampolla con l’olio raccolto, così che i vescovi valutino la possibilità di consacrarlo nella Messa Crismale della Settimana Santa, per essere utilizzato come olio santo nell’anno liturgico per le Cresime, le ordinazioni sacerdotali e così via.

Il segnale cui mira l’iniziativa è quello che il frutto nato dalla terra bagnata dal sangue dei martiri della giustizia possa assurgere a simbolo di redenzione; in considerazione anche del fatto che la mafia ha tentato di strumentalizzare il sentimento religioso di alcuni siciliani, manipolandolo a giustificazione dei crimini orrendi commessi dagli affiliati.

Stamani il questore Gaetano Bonaccorso si è recato in Arcidiocesi a Pisa, ricevuto dall’Arcivescovo Giovanni Paolo Benotto, cui ha portato in dono l’ampolla dell’olio raccolto a Capaci, che sarà benedetta durante la solenne Messa Crismale in Duomo giovedì santo.

Mercoledì santo, nel corso della Messa Crismale della diocesi di Volterra, la polizia di Stato porterà in dono al vescovo di Volterra monsignor Roberto Campiotti una ampolla di olio di Capaci; l’indomani Giovedì santo, altra ampolla dell’olio di Capaci sarà portata in dono dalla polizia di Stato al vescovo della diocesi di San Miniato Giovanni Paccosi durante la Messa Crismale in piazza Duomo.

Nell'ambito della stessa iniziativa ieri l’olio prodotto dal “Giardino della Memoria” era stato donato invece all’Arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice. A offrire l’ampolla, il Questore di Palermo Leopoldo Laricchia e il presidente dell’associazione Quarto Savona 15 Tina Montinaro insieme agli studenti e ai docenti dell’IS “Majorana” di Palermo.

Per Laricchia “il dono dell’olio prodotto a Capaci vuole essere un segnale importante per la Sicilia affinché il frutto nato dalla terra bagnata dal sangue dei caduti nella lotta contro la mafia possa essere simbolo di redenzione per il nostro territorio”. Per L’Arcivescovo Corrado Lorefice “quest’olio non ha solo il sapore del riscatto dal giogo mafioso ma è un testimone concreto di memoria da tramandare alle giovani generazioni; il dono che riceviamo dagli olivi di Capaci ha per la Chiesa di Palermo un significato ulteriore, quello di condividere la memoria del martirio del Beato Puglisi, ucciso da Cosa nostra la sera del 15 settembre di trent’anni fa”. 

fonte PisaToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia regala l'olio del Giardino della memoria di Capaci ai vescovi di Pisa, San Miniato e Volterra

PalermoToday è in caricamento