Al Politeama con i carrelli della spesa, flash mob dei lavoratori: "No alle aperture domenicali"

L'iniziativa è stata voluta dalle segreterie regionali Filcams, Fisascat e Uiltucs come protesta contro la "liberalizzazione selvaggia sancita dalla circolare della Protezione civile prima e dall'ordinanza regionale dopo". Il sindaco Leoluca Orlando: "Evitare totale deregolamentazione che danneggia lavoratori"

I lavoratori durante la protesta

Si sono presentati in pieno centro con coloratissimi carelli della spesa. Così i lavoratori del commercio hanno voluto manifestare stamani, al Politeama, tutto il loro dissenso alle aperture domenicali dei negozi. L'iniziativa è stata voluta dalle segreterie regionali Filcams, Fisascat e Uiltucs rappresentate da Monja Caiolo, Mimma Calabrò e Marianna Flauto.

“La liberalizzazione selvaggia delle aperture degli esercizi commerciali sancita dalla circolare della Protezione civile prima e dall'ordinanza regionale dopo - dicono i sindacati - non ha tenuto in alcun conto della posizione espressa dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori ma neanche di quella dei tanti datori di lavoro che sono favorevoli alla chiusura".

Ai lavoratori è giunta la solidarietà dell'amministrazione comunale. "È necessaria - sottolinea il sindaco, Leoluca Orlando - una nuova normativa regionale che coniughi diritto d'impresa e diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, evitando una totale deregolamentazione che finisce col danneggiare pesantemente questi ultimi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche l'Ugl terziario esprime la propria solidarietà ai lavoratori ribadendo la propria contrarietà alle riaperture selvagge, per voce del suo segretario della Sicilia, Letizia Fiorino. "Abbiamo raccolto le istanze delle lavoratrici e dei lavoratori - spiega Fiorino - la domenica è socialmente sacra, reiteriamo la nostra convinta contrarietà alla liberalizzazione ed alle aperture domenicali e festive di centri commerciali e supermercati senza un accordo con il governo regionale. Siamo disponibili a ragionare con l'esecutivo regionale per una regolamentazione valida per tutta la Sicilia, ma non accettiamo fughe in avanti da parte di nessuno sulla pelle di chi lavora, la nostra organizzazione ha già proposto l'apertura di una sola domenica al mese, estendibile a due nei periodi dei saldi estivi, con chiusura per tutte le realtà commerciali nei giorni festivi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Reddito di cittadinanza, per il mese di sospensione potranno essere chiesti i buoni spesa

  • Via dei Cantieri: si sente male mentre passeggia, entra in un centro estetico e muore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento