Policlinico, nuova strumentazione per ridurre tempi di attesa: "Prima volta in Italia"

Permetterà al settore di “Emostasi e Trombosi”, di aumentare il numero di analisi cliniche : "Significativo avanzamento tecnologico e notevole vantaggio economico ed organizzativo"

L'unità operativa di Medicina di Laboratorio del Policlinico dispone di una nuova strumentazione automatizzata, installata per prima volta in Italia, che permetterà al settore di “Emostasi e Trombosi”, di aumentare il numero di analisi cliniche e di ridurre i tempi di lavoro, migliorando il servizio clinico-assistenziale per la comunità.

"La strumentazione innovativa - spiegano dal Policlinico - rappresenta un significativo avanzamento tecnologico, oltre che un vantaggio economico ed organizzativo, e migliorerà la qualità del dato che il laboratorio fornisce con ricadute positive sull’assistenza dell’utenza. Il maggiore grado di automazione, consentirà di migliorare l’efficienza del laboratorio, riducendo il tempo di risposta delle analisi (Turn Around Time), cioè il tempo che intercorre dal momento in cui l’esame viene richiesto dai reparti al momento in cui il laboratorio ne trasmette i risultati, di consolidare la qualità del dato clinico, di ridurre l’intervento manuale del singolo operatore e di processare un numero maggiore di campioni in tempi più ristretti".

La strumentazione verrà impiegata per eseguire sia gli esami di base che quelli di approfondimento che vengono eseguiti nel caso in cui uno o più test di base risultino alterati o se esiste un sospetto clinico di una alterazione della coagulazione di natura sia acquisita che congenita del paziente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il settore di “Emostasi e Trombosi”, diretto dal professore Marcello Ciaccio, docente del Dipartimento di Biopatologia e Biotecnologie Mediche dell'Università degli Studi di Palermo - chiude la nota - grazie alle expertise specifiche e ai contenuti tecnologici di cui dispone, rappresenta un centro di alta specializzazione e di riferimento sul territorio per lo studio delle patologie ematologiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

  • "Ho ucciso io quella donna cinque anni fa: le ho stretto una corda al collo per sei minuti"

  • Va in caserma e confessa un delitto, trovati i resti di una donna a Monte Pellegrino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento