menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un pokemon catturato a Mondello

Un pokemon catturato a Mondello

Il Massimo la "palestra" più contesa, i Pokemon invadono anche Palermo

Pokemon go, fenomeno di massa creato dalla Nintendo, in questi giorni è sbarcato in città. Un Nidoking è stato catturato al Giardino Inglese, un Dragonait in spiaggia a Mondello. Ecco chi sono gli "allenatori" palermitani più forti...

Si danno appuntamento in un luogo della città, sostano qualche ora e poi vanno via. E' la vita dell'allenatore di Pokemon, a caccia di animaletti curiosi da catturare o "palestre" da conquistare. Da Mondello al Teatro Massimo, i Pokemon hanno invaso Palermo. Tutta "colpa" di Pokemon Go, fenomeno di massa creato dalla Nintendo, esploso in questi giorni anche in Italia, dopo aver fatto ammalare milioni di giovani nel resto del mondo.

Lo scopo del gioco è molto semplice: una volta scaricata l'app sul proprio smartphone bisogna semplicemente camminare per le vie della città alla ricerca dei Pokemon più rari da collezionare e potenziare, per poi farli combattere contro quelli degli altri "allenatori" (si chiamano così i giocatori) e provare a conquistare le "palestre" (strutture virtuali che solitamente sorgono nei pressi dei monumenti o dei punti di ritrovo principali).

POKEMON-CONTEST: VOTA LA FOTO MIGLIORE

Per colmare la fame di Pokemon sono nati numerosi gruppi in tutto il mondo dove gli appassionati si scambiano consigli. A Palermo uno dei più grossi è quello fondato da Gianluca Calabria che proprio in questi giorni ha ricevuto un boom di richieste d'iscrizione. "Ritengo che Pokemon Go sia un gioco rivoluzionario - spiega il fondatore di 'Pokemon Go Palermo' (https://www.facebook.com/groups/148442012230538/) - perché rispetto ai classici videogiochi, che in un certo senso ti "costringono" in casa davanti ad uno schermo, al contrario ti "obbliga" per la prima volta a uscire di casa per giocare. Il mondo intero diventa una mappa di gioco grazie al Gps dandoti anche la possibilità di conoscere meglio il contesto cittadino. L'aspetto in assoluto che apprezzo è la possibilità di conoscere tanta nuova gente con la stessa passione".

Sparse per la città ci sono "Palestre" da assaltare o difendere, ma ce ne sono alcune che sono ambitissime. "Quelle più ambite in città si trovano in concomitanza dei luoghi di ritrovo principali - spiega - e ho notato che la più contesa è quella del Teatro Massimo, ben protetta dai Pokemon degli allenatori più forti di Palermo. In ordine d'importanza la seconda potrebbe essere quella del Foro Italico. A seguire, probabilmente, la palestra del Giardino Inglese, uno dei luoghi migliori dove poter catturare un gran numero di Pokemon".

Quali sono i Pokemon più forti avvistati a Palermo? Uno Snorlax che una volta catturato è stato prontamente messo a difesa della palestra del Teatro Massimo. Poi un Nidoking catturato al Giardino Inglese, un Dragonait trovato nei pressi della spiaggia di Mondello ed in fine un Blastoise avvistato in via Libertà e che per qualche ora ha fatto affollare il salotto buono della città con diversi allenatori scesi di fretta da casa per provare a prenderlo. Arrivati al quinto livello, cosa che avviene solitamente giocando per almeno uno o due giorni, ci si trova davanti alla fatidica scelta della squadra: rosso-coraggio, giallo-istinto, blu-saggezza. Non si potrà più tornare indietro. A questo punto verrà il bello, perché per andare avanti con i progressi più velocemente sarà fondamentale fare squadra in modo reale.

A Palermo la squadra che in questo momento sembra ricevere la maggior parte di preferenze da parte dei giocatori è quella rossa, i cui affiliati sono riusciti a distribuirsi nelle varie palestre più frequentate con una certa stabilità. Il fondatore del gruppo Facebook "Pokemon Go Palermo Team Rosso" Giuseppe Savattieri (https://www.facebook.com/groups/159739857778223/) però mantiene i piedi per terra e molto sportivamente riporta la guerra virtuale nella corretta dinamica di un gioco di squadra globale: "A Palermo abbiamo conquistato diverse palestre di grande prestigio. Il fatto è che le contendiamo quotidianamente con gli altri team, quindi diciamo che c'è una continua rotazione, soprattutto per quelle più ambite. Per adesso abbiamo una palestra molto ben messa che è quella del Fly Tennis, ma le palestre più prestigiose conquistate sono quella del Teatro Massimo e quella alla Statua".?

Il Team Rosso può contare su esemplari rarissimi e fortissimi: "I Pokemon più potenti in nostro possesso sono per esempio Lapras, Dragonite, Venusaur, Aerodactyl, Snorlax. Oltre alle varie evoluzioni di Evee, tutti sopra i 1300 punti lotta. Come ci organizziamo? Per conquistare una palestra, e soprattutto per migliorarla, facciamo spedizioni di almeno tre, quattro persone. Eliminiamo i Pokemon avversari grazie ai nostri personaggi più forti, dopodiché inseriamo i nostri. Grazie a Pokemon Go sono nate nuove amicizie sia con i player delle altre squadre sia all'interno del nostro Team Red. Organizziamo incontri e addirittura raduni".

Alessandro Pensabene dell'associazione AniMa Nerd Family Palermo: "Abbiamo creato un gruppo Facebook con più di 1400 palermitani e i gruppi su Telegram e Whatsapp sia generici che dei vari team. Stiamo inoltre organizzando un evento per andare a catturare quanti più Pokemon possibili nei quartieri di Palermo, in cui si vinceranno tantissimi premi. Sarà il primo dei tanti eventi che abbiamo intenzione di realizzare sfruttando Pokemon Go, sull'onda degli altri eventi che abbiamo organizzato precedentemente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento